Prevenzione dell'obesità, promozione dell'attività fisica e dei disturbi del comportamento alimentare, ma anche lotta agli sprechi, epigenetica e cattive abitudine a tavola dei nostri ragazzi correlati all'uso di smartphone, tablet e tv. Questi i temi affrontati nell'arco di sei mesi dal Ministero della Salute a Expo all'interno dello "Vivaio Scuole" in 64 incontri. "Un'esperienza entusiamante", è il commento all'agenzia Dire del direttore generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione, Giuseppe Ruocco, che sottolinea il messaggio più importante: "rispetto per il cibo e per la propria alimentazione". Il Ministero ha organizzato a Expo più di cento incontri e workshop nello "Spazio donna" (Me and We - Women for Expo) e nello "Spazio scuole" di Padiglione Italia, favorendo il dialogo tra il pubblico di Expo, gli studenti di "Vivaio scuole" e più di 75 esperti di associazioni ed enti del Servizio sanitario nazionale. www.salute.gov.it/expo2015

Data di pubblicazione: 23 ottobre 2015, ultimo aggiornamento 23 ottobre 2015