immagine di una persona anziana che si vaccina

L’influenza si colloca tra le prime 10 principali cause di morte in Italia (Fonte: FluNews Italia). I dati forniti dal sistema di rilevazione, attivo dal 1999, hanno permesso di stimare che interessa ogni anno tra il 4 ed il 12% della popolazione italiana (dalla stagione 2000/2001 alla 2016/2017) a seconda delle caratteristiche dei virus influenzali circolanti. L’influenza rappresenta un serio problema di sanità pubblica e una rilevante fonte di costi diretti e indiretti per la gestione dei casi e delle complicanze della malattia e l’attuazione delle misure di controllo.

Obiettivi

La circolare 30 maggio 2018 "Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2018-2019" conferma che la misura più efficace, riconosciuta dalla comunità scientifica internazionale, per prevenire l’influenza, sia per il singolo che per la collettività, è la vaccinazione. In particolare la circolare ribadisce l’opportunità di garantire la vaccinazione gratuita oltre alle tradizionali categorie a rischio (anziani e malati) anche ai soggetti impegnati nei servizi essenziali e agli addetti ad attività che espongono a rischio contagio (medici e operatori sanitari, forze dell’ordine, insegnanti, personale a contatto con gli animali).
Per la stagione 2018-2019 l’offerta gratuita della vaccinazione è estesa anche alla categoria dei donatori di sangue.

Oltre alle misure basate sui presidi farmaceutici, vaccinazioni e antivirali sono raccomandate le misure di protezione personali non farmacologiche utili per ridurre la trasmissione del virus dell’influenza:

  • igiene respiratoria (contenimento della diffusione derivante dagli starnuti e dai colpi di tosse con la protezione della mano o di un fazzoletto)
  • lavaggio frequente delle mani, un gesto, semplice ed economico, che costituisce l’intervento preventivo di prima scelta ed è una pratica riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) tra le più efficaci per il controllo della diffusione delle infezioni anche negli ospedali.

L’obiettivo delle iniziative di comunicazione è quindi quello di favorire l’adesione alla vaccinazione delle categorie considerate a rischio (anziani, persone malate ecc.) e quello di favorire l’adozione spontanea di misure di igiene e protezione individuale (non farmacologiche) utili per ridurre la trasmissione del virus dell’influenza.

Target

La popolazione generale e in particolare i destinatari dell’offerta gratuita del vaccino.

Strumenti e mezzi

Per la campagna 2018-2019 il ministero ha prodotto uno spot radiofonico di 30'' che sarà veicolato sulle principali emittenti nazionali a partire dal 16 dicembre 2018.

Lo spot, con un tono diretto, rassicurante sulla semplicità e sicurezza della vaccinazione e motivante all’azione, invita all’adozione delle misure di protezione individuali non farmacologiche consigliate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e riguardanti l’igiene respiratoria e il lavaggio frequente delle mani, in particolare, dopo essersi soffiati il naso o aver tossito o starnutito.

Lo spot radio si conclude con l’invito ad approfondire le informazioni sul tema chiedendo al proprio medico e visitando il sito tematico Influenza del ministero della Salute.

Ascolta lo spot radiofonico.

Per approfondire sito OMS - Influenza.


Data di pubblicazione: 17 dicembre 2018

Consulta le campagne di Influenza

Vai all'archivio completo delle campagne


Consulta l'area tematica: Influenza