Versione stampabile   Versione stampabile

Comunicato n. 47
Data del comunicato 28 novembre 2019

Giornata Mondiale Aids. Sottosegretaria Salute Zampa:"Non abbassare la guardia sulla malattia. Il preservativo può salvare numerose vite"

 “Nonostante si registri una diminuzione di nuove diagnosi di infezione da Hiv, non dobbiamo abbassare la guardia sulla malattia. Sono ancora numerosi i passi da compiere per raggiungere la trasmissione zero del virus dell'HIV nei prossimi anni. È necessario assicurare un’attenzione costante in termini di prevenzione, anche attraverso attività di comunicazione mirate come, ad esempio, la recente campagna realizzata dal Ministero della Salute "Con l’HIV non si scherza" #HIVriguardatutti”.

Lo afferma in una nota la Sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa, commentando i dati dell’Istituto Superiore di Sanità diffusi in occasione della Giornata Mondiale per la Lotta all’Aids che ricorre il prossimo 1° dicembre.

2.847 le nuove diagnosi di infezione da HIV nel 2018, pari a 4,7 nuovi casi per 100mila residenti. L’incidenza è diminuita lievemente tra il 2012 e il 2015 e nel 2018 si osserva un’evidente diminuzione dei casi in tutte le regioni. L’incidenza maggiore di infezione da Hiv è nella fascia di età 25-29 anni e la principale modalità di trasmissione rimane quella dei rapporti sessuali non protetti.

“L'Aids è purtroppo ancora presente nella popolazione – conclude la Sottosegretaria Zampa – soprattutto tra i giovani, che spesso non si rendono conto di quanto sia importante proteggersi nei rapporti sessuali e dei rischi di contagio che corrono. L’uso del preservativo può evitare patologie gravissime e salvare numerose vite.

Data di pubblicazione: 28 novembre 2019, ultimo aggiornamento 28 novembre 2019