immagine di due carabinieri NAS

I Carabinieri del NAS di Pescara, nell’ambito della pianificata attività di controllo agli istituti educativi della prima infanzia e d’istruzione prescolastica, avviata in occasione dell’apertura del nuovo anno scolastico, hanno effettuato un’ispezione igienico-sanitaria presso un asilo nido privato del capoluogo abruzzese.

Nel corso dell’attività ispettiva i militari hanno accertato che nella mensa scolastica venivano somministrati ai bambini alimenti diversi per qualità da quelli previsti nel contratto con la società incaricata del servizio di refezione, poiché non venivano impiegati alimenti biologici per la preparazione dei pasti. I Carabinieri riscontravano, inoltre, inadeguatezze igienico-sanitarie nei locali deputati alla preparazione delle pietanze, quali muffe e soluzioni di continuità nelle pareti che rendono difficoltosa la rimozione dello sporco, la mancata revisione semestrale degli estintori presenti nella struttura, nonché l’assenza delle indicazioni sulle vie di esodo in caso di emergenza e la presenza di spigoli non protetti nell’area gioco.

Il gestore dell’asilo nido, in qualità di addetta alla cucina, ed il titolare della società fornitrice del servizio di refezione, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per frode in commercio.

Il NAS consiglia ai genitori dei bambini che frequentano asili e scuole materne di verificare attentamente che le quantità e le qualità degli alimenti impiegati per la preparazione del pranzo consumato dai propri figli corrispondano a quelli previsti nel contratto di appalto stipulato tra l’istituto scolastico e la ditta incaricata della fornitura del servizio.

Data di pubblicazione: 9 ottobre 2017, ultimo aggiornamento 9 ottobre 2017

Vai all'archivio completo delle NASnotizie

Guarda tutti i video dei NAS su Youtube