immagine arcuri

Chiusa la gara per i test sierologici

La gara per i test sierologici si è conclusa oggi, quattro giorni prima del previsto e vi hanno partecipato 72 aziende. Lo ha annunciato il commissario per l'emergenza, Domenico Arcuri, nella conferenza stampa di questa mattina alla Protezione civile. “Dal 4 maggio potremmo iniziare l'indagine sui primi 150mila cittadini organizzati in un campione che abbiamo strutturato insieme all'Inail e all'Istat per anagrafe, zona, censo – ha spiegato Arcuri – e il vincitore non solo è quello che ha confermato di avere l'insieme degli otto requisiti di qualità che il Comitato tecnico-scientifico aveva posto alla base di questa gara, ma ha deciso che questi test debbano essere offerti a titolo totalmente gratuito. Dunque siamo riusciti a ottenere la migliore offerta sul mercato oggi esistente e contemporaneamente a non gravare sulle casse dello Stato”.  

L'app per il contact-tracing

Per quanto riguarda l’app il commissario ha sottolineato: “Non solo sarà pubblica, italiana e rispetterà tutte le norme sulla privacy, ma progressivamente arriverà a essere costruita intorno al diario sanitario di tutti i cittadini che intenderanno utilizzarla e quindi sarà uno strumento non solo di informazione e alert ma di politiche sanitarie da remoto”. 

La disponibilità di mascherine nelle regioni

"Le Regioni hanno dichiarato di avere una disponibilità di 47 milioni di mascherine nei loro magazzini. Quindi siamo pronti a distribuire tutte le mascherine che serviranno a gestire la fase 2” ha fatto sapere Arcuri durante la conferenza stampa.

La necessità di investire nella produzione interna di dispositivi di protezione individuale (dpi)  

“Un grande Paese non può dipendere per sempre dalle importazioni e dalle guerre commerciali - ha rimarcato Arcuri -. Noi siamo un Paese del G7, la seconda manifattura d'Europa e mai come in questo periodo abbiamo dimostrato di essere un Paese straordinario: con Cura Italia Incentivi ieri sera erano 106 le imprese che hanno ricevuto l'approvazione del loro programma di investimento, 5 hanno già sottoscritto con i nostri uffici un contratto e ci stanno rifornendo delle loro mascherine. Inoltre - ha concluso - abbiamo sottoscritto un accordo con due grandi imprese italiane che stanno producendo 51 macchine utensili che serviranno a produrre da 400mila a 800mila mascherine al giorno: dunque non solo la riconversione o l'implementazione di nuovi impianti con Cura Italia, ma anche l'acquisto da parte dello Stato delle macchine che servono a produrre questi dispositivi. Arriveremo a produrne almeno 25 milioni al giorno. Insomma, lo Stato c'è ed è tornato a investire con forza in uomini, strutture, tecnologie e dotazioni con un semplice obiettivo, quello di garantire a tutti i cittadini un diritto fondamentale scolpito nella Costituzione: la salute”.


Consulta 


Consulta le notizie di Nuovo coronavirus

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Nuovo coronavirus

  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 25 aprile 2020, ultimo aggiornamento 25 aprile 2020

Documentazione

Opuscoli e Poster