immagine medico

Oggi si celebra la Giornata mondiale del rene. I pazienti in dialisi sono senz’altro tra quelli più esposti a contrarre patologie infettive, come la malattia Covid-19. La Società italiana di nefrologia (Sin) ha quindi steso un protocollo rivolto ai medici specialisti con le norme da seguire per la gestione di pazienti nefropatici che dovessero contrarre l’infezione da Covid-19.

Gestione dei vari casi ipotizzabili

Pazienti emodializzati provenienti da aree così dette “attive” oppure che abbiano avuto contatti con persone poi risultate positive

  1. Assenza di manifestazioni di malattia, devono indossare la mascherina chirurgica da quando arrivano al centro (prima non è di nostra competenza) a quando escono, quindi per tutta la durata della seduta dialitica, in caso di starnuti usare fazzoletti monouso e buttarli dopo ogni singolo uso e si raccomanda l'applicazione rigorosa di quanto previsto sulla disinfezione.
  2. Paziente che arriva in dialisi con febbre o manifestazioni infettive delle vie aeree. Il paziente va inviato in PS dove sarà valutato dal collega del PS e dall’infettivologo e applicate le disposizioni e le procedure previste dal ministero e dalla regione Lombardia.

Se l’infettivologo decide di fare l'accertamento diagnostico tramite l'esecuzione del tampone naso-faringeo, in attesa dell'esito, bisognerà decidere insieme al collega infettivologo se il paziente va contumaciato oppure no. Considerando che il tempo medio per avere l'esito definitivo del tampone si aggira intorno a 48 ore non è possibile procrastinare la dialisi e pertanto il paziente deve essere ricoverato e dializzato in un locale idoneo alla contumacia e all’esecuzione della dialisi. Se usate abitualmente apparecchi mobili di preparazione dell’acqua da dialisi chiedere all’ufficio tecnico di installare attacchi di carico e scarico acqua in una/due stanze contumaciali nel reparto di malattie infettive.

In questo caso e fino a quando non si ha a disposizione l'esito del tampone NF il paziente va considerato come sospetto di SARS-CoV-2 e gli operatori sanitari dovranno indossare:

  • maschera ffp2
  • camice idrorepellente con maniche lunghe
  • protezioni oculari (visiera/idonei occhiali)
  • guanti.

Se l'esito del tampone è positivo il paziente continua l'isolamento e gli operatori a contatto dovranno indossare:

  • copricapo
  • camice monouso in TNT impermeabile
  • occhiali / Visiera
  • maschera ffp3
  • soprascarpe
  • guanti
  1. In caso di insufficienza respiratoria, con febbre e/o manifestazioni infettive delle vie aeree il paziente sarà sottoposto all'attenzione dei rianimatori.
  2. I pazienti in trattamento dialitico peritoneale nei limiti del possibile vanno gestiti al domicilio.

Nel caso di pazienti che ricadano nella condizione di cui al punto 2 o 3, che effettuano dialisi in un centro periferico che non dispone di strutture contumaciali e/o malattie infettive e/o rianimazione, oppure che il centro non sia nella possibilità di effettuare dialisi fuori dal proprio reparto, i pazienti vanno centralizzati nelle strutture ospedaliere che dispongono oltre che della nefrologia anche di questi requisiti.

Si ricorda che non vi è alcuna necessità o beneficio nell'indossare mascherine di qualsiasi tipo per muoversi nei reparti di degenza o nei corridoi o viali dell’ospedale e che, piuttosto, un utilizzo inappropriato di questi dispositivi può rappresentare uno spreco di risorse che, in caso di reale e giustificata necessità, potrebbe determinarne una carenza importante.

Consulta:

Consulta le notizie di Nuovo coronavirus

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Nuovo coronavirus

  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 12 marzo 2020, ultimo aggiornamento 12 marzo 2020

Documentazione

Opuscoli e Poster