foto di gruppo

Si è svolta in un clima di cordialità e condivisione la visita in Italia del Vice Ministro dell’Agricoltura Cinese Yu Kangzhen che lo scorso venerdì 25 ottobre ha incontrato i vertici e gli esperti del Centro di Referenza Nazionale per lo studio delle malattie da asfivirus e pestivirus, presso la sede di Perugia dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Umbria e Marche (IZSUM).
L’eccellenza della ricerca e della prevenzione veterinaria italiana ottiene ancora importanti riconoscimenti a livello internazionale e consolida le ottime relazioni con la Cina per l’avvio di una collaborazione scientifica nella lotta alle malattie animali.

Ultimo di una serie di incontri a livello tecnico e politico, il confronto di Perugia è stata l’occasione per presentare ed approfondire le misure di prevenzione e controllo messe in atto dall’Italia per contenere la peste suina africana in Sardegna e per scongiurare l’ingresso della malattia nella penisola anche dai Paesi dell’est europeo. Il Vice Ministro Kangzhen ha mostrato particolare interesse per l’attività di ricerca che, all’interno di un consorzio europeo, vede la struttura dell’IZSUM impegnata nella sperimentazione del vaccino per questa malattia.

“La Cina - ha dichiarato il Vice Ministro – si trova per la prima volta a fronteggiare la peste suina africana ed è pronta a far tesoro dell’esperienza e del supporto scientifico di chi ha già maturato una lunga esperienza in questo settore”. 

In quest’ottica il Vice Ministro ha ribadito che la sua visita in Italia è il primo passo concreto verso l’avvio di una collaborazione scientifica con l’Italia e con l’Istituto.

Il Ministero della Salute e gli esperti del Centro di Referenza hanno ribadito la disponibilità e la volontà di dare avvio al più presto ai lavori, anche attraverso lo scambio di esperti, per dare ulteriore seguito all’accordo di cooperazione scientifica firmato con il Ministero dell’Agricoltura cinese nel 2016.

Consulta le notizie di Sanità animale

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Sanità animale

Data di pubblicazione: 5 novembre 2019, ultimo aggiornamento 5 novembre 2019