Giulia Grillo

"Con il via libera del Senato, il Decreto Calabria è legge. Oggi è un giorno bellissimo per la sanità italiana. Riportiamo il diritto alla salute in Calabria, riavviamo le assunzioni in tutto il Paese, diamo spazio al futuro dei giovani medici perché il nostro Ssn possa continuare a funzionare. Sono orgogliosa perché abbiamo finalmente piantato il seme del rinnovamento del nostro sistema sanitario e approvato norme che ridanno slancio al diritto alla salute che la nostra Costituzione valorizza e difende a beneficio di tutti i cittadini, nessuno escluso. Ringrazio i colleghi parlamentari, la relatrice Castellone e naturalmente i presidenti delle due commissioni Sanità e Affari sociali, Sileri e Lorefice, per l’impegno costruttivo e il sostegno al decreto che ho fortemente voluto e per il quale tutto il Governo si è impegnato pubblicamente, portando il Consiglio dei ministri a Reggio Calabria il 18 aprile scorso. Senza il coraggio dell’innovazione non ci può essere un domani degno di questo nome".

Così il ministro della Salute, Giulia Grillo, in occasione dell’approvazione definitiva, da parte del Senato, del Ddl n. 1315 di "conversione in legge, con modificazioni, del Decreto-legge 30 aprile 2019, n. 35, recante misure emergenziali per il servizio sanitario della Regione Calabria e altre misure urgenti in materia sanitaria".

Il Ddl è stato approvato nella seduta del 19 giugno 2019, con 137 voti favorevoli, 103 contrari e 4 astensioni. Il testo era già stato licenziato dalla Camera, con modifiche al Decreto, lo scorso 30 maggio.

Per approfondire, leggi il comunicato del Senato.

Data di pubblicazione: 19 giugno 2019, ultimo aggiornamento 21 giugno 2019