immagine di una ricercatrice

Il Bando della Ricerca Finalizzata 2018, pubblicato il 3 aprile 2018 nella sezione Bandi di gara e contratti del sito del Ministero, prevede la figura dell’Editor per la verifica della qualità delle valutazioni dei progetti di ricerca, in coerenza con le linee guida per l’attribuzione degli score, svolte dai ricercatori esteri nell’ambito del sistema di valutazione in peer review attuato dal Ministero.

Per il bando sono state previste cinque tipologie progettuali:

1. Progetti ordinari di ricerca finalizzata (RF): progetti di ricerca non rientranti nelle successive tipologie.


2. Progetti cofinanziati (CO): progetti di ricerca presentati da ricercatori cui è assicurato  un finanziamento privato da aziende con attività in Italia.


3. Progetti ordinari presentati da giovani ricercatori (GR): progetti di ricerca presentati da ricercatori con età inferiore ai 40 anni alla data di scadenza del bando.


4. Progetti “starting grant” (SG): progetti di ricerca presentati da ricercatori con età inferiore ai 33 anni alla data di scadenza del bando;

5. Programmi di rete (NET): i programmi di rete hanno lo scopo di creare gruppi di ricerca e innovazione (partenariati) per lo sviluppo di studi altamente  caratterizzati dall’elevato impatto sul Servizio sanitario nazionale.


Il 20 giugno, conclusa la prima fase dell’iter procedurale del bando, il Ministero avvierà la valutazione in peer review dei progetti di ricerca trasmessi.


Secondo quanto prescritto nel bando - fatta eccezione per i programmi di rete  per i quali sono previste diverse modalità istruttorie - le procedure di valutazione dei progetti di ricerca pervenuti al Ministero saranno sottoposti, in prima istanza, ad un triage fondato sull’esame del curriculum vitae del principal investigator e del gruppo di ricerca sulla scorta dei criteri previsti nelle specifiche sezioni del bando.

Successivamente, ciascuno dei progetti che avrà superato la fase di triage sarà inviato, per le valutazioni, a due referees internazionali.

Il processo di valutazione prevede, in tale fase, una verifica di qualità dell’operato dei suddetti referees da parte di un gruppo di supervisori indipendenti (editors), finalizzata ad accertare la coerenza delle valutazioni di peer review con le linee guida di valutazione predisposte dal Ministero ed eventualmente segnalare anomalie ai Panel scientifici finali di valutazione.

I soggetti interessati che:

1. non abbiano presentato alcun progetto di ricerca come principal investigator o come collaboratore principale nell’ambito del bando delle ricerca finalizzata 2018;

2. non svolgano attività in laboratori, unità operative semplici o complesse nei quali operano ricercatori, che hanno presentato progetti di ricerca nell’ambito del richiamato bando della ricerca finalizzata 2018;

possono inviare, entro e non oltre le ore 17,00 del 20 luglio 2018, il proprio curriculum vitae - contenente anche le informazioni relative all’H index delle proprie pubblicazioni nonché la fonte dove è possibile verificare il dato dichiarato - all’ufficio 4 della Direzione generale della ricerca e dell’innovazione in sanità al seguente indirizzo di posta certificata : dgrst@postacert.sanita.it , indicando nell’oggetto:  “Editors: manifestazione di interesse a svolgere  la funzione di editor nell’ambito delle attività previste dal bando della ricerca finalizzata 2018.”

Per approfondire consulta:

Consulta le notizie di Ricerca sanitaria

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Ricerca sanitaria

Data di pubblicazione: 31 maggio 2018, ultimo aggiornamento 31 maggio 2018