immagine di un paesaggio con un corso d'acqua

Il documento "Misure di mitigazione del rischio per la riduzione della contaminazione dei corpi idrici superficiali da deriva e ruscellamento", elaborato dagli esperti della Commissione consultiva per i prodotti fitosanitari e reso disponibile nel 2009, ha affrontato, per la prima volta in maniera organica, il tema delle misure di mitigazione del rischio atte a ridurre gli apporti di prodotti fitosanitari nelle acque superficiali e, conseguentemente, a limitare l’esposizione degli organismi acquatici, tenendo in debita considerazione l'effettiva possibilità della loro applicazione pratica nelle condizioni operative e ambientali italiane.

Il ricorso a misure di mitigazione del rischio, qualora efficaci e attuabili a costi sostenibili, può rendere possibile l’utilizzo dei prodotti fitosanitari che, sebbene necessari per raggiungere gli obiettivi di protezione delle colture, possono tuttavia presentare aspetti critici sotto il profilo ambientale. Inoltre, l’adozione su larga scala di misure di mitigazione del rischio può contribuire al mantenimento di un'elevata qualità delle risorse naturali, con indubbi vantaggi sociali ed economici per lo stesso settore agricolo.

L’applicazione delle misure di mitigazione deve essere, dunque, vista dal mondo agricolo non come un ulteriore aggravio gestionale, ma come un’opportunità di ammodernamento e di riorganizzazione del territorio agricolo, valorizzando capezzagne inerbite, siepi, aree con vegetazione spontanea o semi-spontanea. Queste strutture possono, infatti, diventare efficaci misure di mitigazione del rischio per gli organismi acquatici e svolgere parallelamente un’importante funzione di salvaguardia dell’artropodi utili e della biodiversità.

Il Comitato tecnico per la nutrizione e la sanità animale, Sezione consultiva per i fitosanitari, ha approvato la versione aggiornata del suddetto documento di orientamento, frutto di un’analisi accurata delle diverse misure applicabili ai fini della mitigazione del rischio per gli organismi acquatici, tenendo conto anche delle innovazioni tecnologiche nel settore delle macchine agricole.

Il documento aggiornato non introduce nuovi elementi di valutazione del rischio ma, a fronte di una percentuale di riduzione dell’esposizione richiesta in esito al processo di valutazione, propone una serie di misure di mitigazione che applicate in campo, singolarmente o in combinazione, consentono la riduzione della deriva o del ruscellamento nella percentuale richiesta. Per assicurare la corretta applicazione delle misure da parte degli agricoltori, in allegato al documento vengono inoltre proposte 4 schede operative che consentono di scegliere la misura, o la combinazione di misure, più idonea a realizzare la mitigazione richiesta e più rispondente alla realtà aziendale.

Consulta:

Data di pubblicazione: 3 ottobre 2017, ultimo aggiornamento 3 ottobre 2017

Consulta le notizie di Prodotti fitosanitari

Vai all'archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Prodotti fitosanitari