Dal 12 al 14 Ottobre 2015, la Direzione Generale della Comunicazione e dei rapporti europei e internazionali ha ricevuto una delegazione di rappresentanti del Ministero della Salute dell’Arabia Saudita. Nel programma dell’incontro è stata prevista anche una visita presso alcuni istituti sanitari  di eccellenza di Roma: Istituto Fisioterapico Ospedaliero (IFO), Azienda Ospedaliera San Camillo  Forlanini e Fondazione Santa Lucia.

Le visite hanno rappresentato l’occasione di illustrare agli ospiti sauditi alcune delle aree di eccellenza della sanità italiana al fine di favorire una futura fattiva collaborazione  tra i due Paesi. In particolare, la visita all’IFO  ha riguardato alcuni settori dell’oncologia come i tumori del seno e dell’apparato digerente mentre, nell’incontro al San Camillo Forlanini sono state affrontate tematiche relative a  trapianti, diabetologia, neurochirurgia, traumatologia ortopedica e stroke unit.

Infine, in occasione della visita alla Fondazione Santa Lucia ci si è soffermati  su neurodiagnostica per immagini, terapia con lo sport, riabilitazione dei bambini, riabilitazione con piscina per idrocinesiterapia e  laboratorio di ricerca.

Lo spirito di collaborazione tra i due Paesi è stato concretizzato, nell’ambito della riunione della Commissione congiunta di monitoraggio e coordinamento svoltasi il 14 ottobre presso la sede di Lungotevere Ripa, con la firma del Programma dei Visiting Professors tra il Ministero della Salute del Regno dell’Arabia Saudita e il Ministero della salute della Repubblica Italiana.

Con questa intesa, che ha regolamentato anche il meccanismo di stipula dei contratti a tempo determinato per i medici specialisti italiani altamente qualificati che andranno a prestare temporaneamente la propria opera negli ospedali sauditi, si rafforza la collaborazione  nel campo della salute tra i due Paesi in conformità alle leggi e alle normative vigenti.

Data di pubblicazione: 19 ottobre 2015, ultimo aggiornamento 21 ottobre 2015

Consulta le notizie di Rapporti internazionali

Vai all'archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Rapporti internazionali