Il 16 aprile 2015 si svolge presso l’Istituto superiore di sanità la XIV edizione dell’Alcohol Prevention Day, sostenuto e finanziato dal Ministero della Salute e svolto e promosso in stretta collaborazione con la Società Italiana di Alcologia, l’Associazione Italiana dei Club degli Alcolisti in Trattamento - AICAT ed Eurocare, a supporto costante di un'adeguata cultura di prevenzione basata su livelli più elevati di tutela della salute, di consapevolezza e di responsabilità individuale e sociale.

Quattordici anni di Alcohol Prevention Day hanno evidenziato che è irrinunciabile, utile e indispensabile catalizzare il dibattito attraverso le presentazioni dei dati emergenti da sistemi sempre più moderni di monitoraggio istituzionale, tramite le considerazioni e le indicazioni delle azioni dotate di provata efficacia  che ogni anno emergono dalla giornata cardine del Mese di Prevenzione Alcologica come rilevante risorsa per la tutela della salute.

L’alcol è causa di centinaia di malattie, numerosi tipi di cancro, incidenti e di una delle forme più temibili di dipendenza, costantemente in incremento e coinvolgente persone sempre più giovani, più donne e anziani ma impattante anche sulle persone in età lavorativa, nei contesti e nei luoghi di lavoro, con assenteismo e perdita di produttività e fenomeni che richiedono attività di prevenzione e indispensabile innalzamento dei livelli di  salvaguardia dell’incolumità dei terzi nei luoghi di lavoro.

Il panorama mondiale, la prospettiva europea, l’analisi nazionale del fenomeno causa di un elevata mortalità, morbilità e disabilità, fanno come di consueto da cornice anche quest’anno al dibattito  mirato all’identificazione di priorità che sono e restano di interesse UE, in previsione di un rinnovata strategia comunitaria richiesta da tutti gli Stati Membri, rivolta non solo ai giovani e al fenomeno del binge drinking e dei consumi a rischio, alla tutela del feto per la prevenzione della FAS (sindrome feto alcolica), ai rinnovamento dei sistemi di cura e riabilitazione ma anche ad una più rigorosa regolamentazione del marketing commerciale, di una più adeguata politica di prezzi e tassazione ("best buys", i migliori affari secondo l'OMS) di target differenziati per genere ed età.

Consumo di alcol in Italia

Il consumo rischioso e dannoso di alcol interessa in Italia oltre 9 milioni di individui di tutte le fasce d'età ed è associato ad una serie di conseguenze a breve, medio e a lungo termine. I giovani rappresentano un target di popolazione estremamente vulnerabile all'uso di alcol rappresentando la prima causa  di mortalità, morbilità e disabilità evitabile, se venisse garantito e supportato il rispetto delle norme di tutela della salute e di sicurezza, ampiamente rese disponibili da anni in tutti contesti. 

La comunità scientifica, nel corso degli ultimi anni, ha contribuito a fornire evidenze e nuove linee guida che hanno sollecitato e indotto una riflessione, purtroppo mai sufficientemente riflessa nelle politiche sull'alcol, sui rischi e sui danni causati dal bere e soprattutto dai modelli, dalle mode e dalle tendenze che influenzano i comportamenti individuali,  ma anche le modalità di relazione e di aggregazione che caratterizzano la società moderna. Il mondo dei social network, le tecnologie alla portata di mano di tutti, contribuiscono sempre più alla diffusione rapida di culture del bere, favorite da disapplicazioni normative, scarso rigore, contraddizioni e convenienze alle quali è difficile rispondere con tempestività attraverso adeguate risposte istituzionali e più efficaci policy sull’alcol spesso contrastate dalle logiche del mercato a scapito di quelle di tutela della salute.

Alcohol Prevention Race

Dopo il convegno all'Istituto superiore di sanità, il 19 aprile, alle Terme di Caracalla, si terrà la XVII edizione della tradizionale Appia Run, che quest'anno corre per l'Alcohol Prevention Race per fornire un messaggio di sensibilizzazione e prevenzione sui rischi legati al consumo di alcol tra i giovani. "Brillo? Sì ma nello sport!" è lo slogan della competizione, che si svolgerà nella splendida cornice dell'Appia Antica. Scarica il regolamento.

L' iscrizione è gratuita per i ragazzi fino ai 21 anni.

Agli iscritti dell’Alcohol Prevention Race il kit di maglia, zainetto e i materiali per la prevenzione per giovani e adulti realizzati grazie al finanziamento del Ministero della Salute in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità, Osservatorio Nazionale Alcol e Centro OMS per la Ricerca e la Promozione della Salute sull’Alcol e sulle problematiche alcol-correlate.

Consulta le notizie di Alcol e alcoldipendenza

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Alcol e alcoldipendenza

Data di pubblicazione: 10 aprile 2015, ultimo aggiornamento 14 aprile 2015