Immagine di un veterinario che controlla degli animali da allevamento

Un dettagliato resoconto dei controlli veterinari ai confini nazionali sugli animali, prodotti di origine animale e mangimi provenienti dai Paesi membri dell’Unione Europea e dal Paesi terzi. E’ quanto presenta il rapporto 2013 sull’Attività dei Posti di ispezione frontaliera e degli  Uffici veterinari per gli adempimenti comunitari – 2013.  Di seguito alcuni dati di sintesi.

Controlli PIF

I 23 Posti di ispezione frontaliera italiani svolgono, assieme ai 253 PIF localizzati negli altri Paesi membri dell’Unione Europea, un’importante azione di controllo sulle partite di animali, prodotti di origine animale e mangimi importati nell’Unione Europea dai Paesi terzi. Si tratta di una fondamentale azione di verifica delle garanzie sanitarie fornite dal paese esportatore per ogni singola partita di merce diretta all'Unione Europea. L’azione di controllo dei PIF è parte rilevante delle garanzie sanitarie, comunitarie (per i prodotti armonizzati) o nazionali (per i prodotti non armonizzati), relative alle merci oggetto d’importazione dai Paesi terzi.

Nel 2013 i nostri P.I.F. hanno sottoposto a controllo 50.312 partite di animali, prodotti di origine animale e mangimi da oltre 100 Paesi terzi. Il controllo è stato di tipo sistematico, su ogni partita, al fine di verificare la correttezza della documentazione e l’identità del prodotto. L’ispezione veterinaria sui prodotti di origine animale è stata condotta invece con una frequenza di controllo diversa a seconda del tipo di prodotto e del Paese di  provenienza.

Quando ritenuto opportuno dai veterinari ispettori, oppure in osservanza di specifiche istruzioni ministeriali o comunitarie, il controllo fisico/materiale è stato integrato da un controllo di laboratorio. La media percentuale del controllo di laboratorio rispetto al totale delle partite sottoposte a controllo fisico/materiale è stata, nel 2013, del 8,3%, percentuale di poco inferiore a quella riscontrata nel 2012 (9%).

I respingimenti, in numero di 319 partite di merci sono risultati pari allo 0,6% circa delle partite presentate all’importazione con una percentuale analoga a quella riscontrata nel 2012 (0,6%).

Controlli UVAC

Nel 2013 gli Uffici veterinari per gli adempimenti comunitari  UVAC hanno svolto una preziosa opera di coordinamento dell’attività di vigilanza e controllo veterinario sulle partite di animali e prodotti di origine animale provenienti dagli altri Stati membri della Comunità europea.

Il numero di operatori registrati (33.479) è aumentato del 3,9% rispetto al 2012 (32.212). E’ importante sottolineare che dal 1996 il numero di operatori registrati/convenzionati (9.981) è aumentato del 235% a testimonianza di un continuo incremento del volume dei traffici intracomunitari e di una progressiva maggiore responsabilizzazione da parte degli importatori ottenuta anche grazie all’incisiva azione di controllo di UVAC e ASL. All’aumento del numero di operatori registrati/convenzionati ha in buona parte contribuito anche l’allargamento progressivo dell’UE che è passata dai 12 Paesi del 1993 ai 28 Paesi attuali.

Sono state sottoposte a controllo documentale e fisico 9.945 partite (0,60% del totale) e 4.317 di esse sono state sottoposte a controlli di laboratorio. Il controllo veterinario ha portato al respingimento-distruzione di 127 partite di merci potenzialmente pericolose per la salute del consumatore o per la salute degli animali.

L’attività degli Uffici, in particolare nel campo della sanità animale, è stata quella di monitorare le introduzioni di animali vivi da quei Paesi membri nei quali si sono registrati nuovi focolai di malattie infettive. Inoltre, a seguito delle varie emergenze di sanità pubblica susseguitesi nel 2013, gli UVAC hanno continuato a svolgere il consueto importante ruolo di gestione dei controlli sanitari sulle merci potenzialmente coinvolte, in stretto coordinamento con le Autorità centrali e locali competenti.

Data di pubblicazione: 9 giugno 2014, ultimo aggiornamento 9 giugno 2014

Documentazione

Opuscoli e Poster