Presidente nazionale della LILT professor Francesco Schittulli, il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin e Albano Carrisi

Si è tenuta il 13 marzo 2014 a Palazzo Chigi la conferenza stampa di presentazione della XIII edizione della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica organizzata dalla Lega Italiana Lotta contro i Tumori (LILT).

Il Ministro della salute Beatrice Lorenzin ha aperto i lavori della conferenza e ha dichiarato: “la lotta contro il cancro è una priorità importante del Ministero della Salute. Le battaglie vinte contro questa malattia sono state tante,di cancro oggi si può guarire sempre di più,ma la battaglia finale non è stata ancora combattuta.  Sicuramente la  ricerca scientifica  ci permette e ci ha permesso negli ultimi anni di far si che  una ,malattia  di cui  avevamo paura anche solo a pronunciarne  il nome  e che  chiamavamo “ brutto male” è diventata una malattia difficile,ma una malattia come le altre.
Quando ci sia ammala di cancro non si ammala  solo il soggetto ma si “ ammala” tutta la famiglia e se non ci fossero le persone che hanno deciso di combattere questa malattia puntando sulla prevenzione  noi non potremmo  aver raggiunto i risultati di oggi.
La  prevenzione rimane la strategia a lungo termine più efficace per ridurre la crescente incidenza dei tumori. Deve far parte della nostra vita, delle nostre abitudini: stili di vita, alimentazione, attività fisica, la cura dell’ambiente e attività di screening.  Voglio ricordare che ,un pilastro fondamentale della prevenzione dei tumori sono i programmi di screening oncologico per tumori della mammella, cervice uterina e colon-retto. Tali interventi di sanità pubblica prevedono un invito attivo periodico della popolazione destinataria e un controllo di tutte le fasi del processo diagnostico e di cura che segue l’esecuzione del test di screening.”

L'evento si svolge da domenica 16 a domenica 23 marzo e vede le 106 sezioni provinciali e i circa 400 spazi prevenzione LILT, distribuiti su tutto il territorio italiano, alle prese con iniziative di promozione dei sani e corretti stili di vita, a favore della prevenzione.
Il presidente nazionale della LILT, professor Francesco Schittulli, ha sottolineato proprio la passione e la competenza degli operatori e volontari dell’Ente a essere al fianco del Servizio Sanitario Nazionale, in maniera complementare ed integrativa. Un ruolo riconosciuto dallo stesso Ministro, che ha voluto ringraziare l’impegno quotidiano della LILT e delle centinaia di migliaia di soci e volontari “che trovo negli ospedali e nei reparti più difficili, dove c’è più fragilità e sofferenza” protagonisti di una “guerra sanitaria, in cui ogni giorno per fortuna riportiamo una vittoria. Le battaglie vinte sono state tante ma la guerra finale non è ancora stata combattuta, e questa è una battaglia che si fa con le persone”.

Testimonial d’eccezione Albano Carrisi, che nel presentare la bottiglia d’olio extravergine d’oliva, simbolo storico della campagna di prevenzione che sarà distribuito dai volontari nelle piazze italiane a fronte di un modesto contributo, ha lanciato un messaggio di speranza a per chi, come lui, “tradito dal cancro” è riuscito a sconfiggerlo, impegnandosi, poi, a dare “lezioni di salute, sin dalla più tenera età”. Tema questo più volte sottolineato dal presidente Schittulli, per il quale, educazione alimentare, attività fisica, cura per l’ambiente e lotta al tabagismo, fanno parte di una cultura della prevenzione, come metodo di vita, che andrebbe insegnata ai ragazzi sin dalle scuole primarie.

Consulta le notizie di Tumori

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Tumori

Data di pubblicazione: 17 marzo 2014, ultimo aggiornamento 17 marzo 2014