Nel 2007 il numero di prodotti pericolosi ritirati dal mercato dell’UE è aumentato del 53% rispetto al 2006 come annuncia la relazione annuale della Commissione sul sistema di allarme rapido (Rapex).

Si è passati da 1 051 notifiche nel 2006 a 1 605 l’anno scorso: questo aumento sta ad indicare che le capacità di sorveglianza negli Stati membri migliorano di anno in anno e che i consumatori europei non sono mai stati protetti così bene come oggi.

Nel 2007 la categoria di prodotti oggetto della stragrande maggioranza delle notifiche era costituita dai giocattoli, il che conferma che la sicurezza dei bambini è una priorità di primo piano per le autorità preposte alla sorveglianza del mercato, anche se i veicoli a motore, le apparecchiature elettriche e i cosmetici occupano un posto di rilievo nel sistema RAPEX. Ancora una volta è stata la Cina il paese d’origine di più della metà dei prodotti pericolosi individuati (700 notifiche).

Ciò può essere spiegato in parte col gran numero di prodotti importati nell’UE dalla Cina e con la maggiore attenzione che le autorità preposte alla sorveglianza del mercato riservano ai prodotti cinesi dopo "l’estate dei richiami" dell’anno scorso.

In relazione a ciò il Commissario Kuneva ha presentato un aggiornamento in merito a tutto il lavoro che si sta facendo per rafforzare i controlli dando seguito alle raccomandazioni del riesame riepilogativo fatto dalla Commissione lo scorso autunno in materia di sicurezza dei prodotti (cfr. IP/07/1746).

Essa ha anche delineato i progetti di importanti iniziative per il 2008 compreso un miglioramento dell’attuale memorandum d’intesa UE-Cina e un vertice trilaterale UE-USA-Cina sulla sicurezza dei prodotti da tenersi a Bruxelles nel novembre 2008.

Leggi:

Fonte: Commissione europea - Bruxelles 17 aprile 2008

Data di pubblicazione: 30 maggio 2008, ultimo aggiornamento 11 giugno 2013