21 aprile 2022 - Senato della Repubblica

Question time n. 3-03271 Ministro Speranza

Interrogazione sui dati disaggregati relativi ai pazienti deceduti e risultati positivi al Covid-19

Signora Presidente, ringrazio la senatrice Parente per aver posto l'attenzione su un tema di assoluto interesse per il Ministero della salute e credo anche per la nostra opinione pubblica. Tra l'altro, mi permetta di condividere che sono molto d'accordo con le affermazioni che lei ha fatto nell'incipit di questa dichiarazione: è vero che non siamo più in stato di emergenza dal 31 marzo, ma certo la pandemia non è finita. È vero che la nostra campagna di vaccinazione è oggettivamente, numeri alla mano, tra le migliori e le più efficaci a livello europeo e a livello mondiale, ma è anche vero che non si è conclusa. Proprio qualche settimana fa le nostre autorità sanitarie, in linea con l'EMA, l'Agenzia europea del farmaco, e con l'ECDC, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, hanno infatti raccomandato un ulteriore richiamo alle persone sopra gli ottant'anni, ai residenti delle RSA e alle persone di particolare fragilità tra i sessanta e i settantanove anni. Quindi dobbiamo continuare la nostra campagna di vaccinazione.

Il decreto del 24 marzo ha riconfermato l'importante attività e compito di monitoraggio che, secondo il nostro impianto istituzionale, vede come elemento fulcro di coordinamento l'Istituto superiore di sanità. Mi sia consentito, in questa sede, esprimere profonda e sentita gratitudine a tutti i lavoratori dell'Istituto superiore di sanità, a tutti i ricercatori e al presidente Brusaferro, per il lavoro straordinario che hanno svolto in questi mesi così difficili a servizio del nostro Paese. Uno dei nodi fondamentali della nostra strategia di contrasto al Covid è stato proprio il rapporto costante tra le istituzioni e il nostro mondo scientifico, la nostra comunità scientifica.

Il monitoraggio avviene con diversi strumenti. Quello quotidiano chiaramente avviene su dati aggregati e su dati essenziali, che vengono comunicati appunto quotidianamente. Poi c'è un monitoraggio di natura settimanale, anche questo gestito dall'Istituto superiore di sanità, molto più complesso, dove ci sono anche molti numeri legati alle vaccinazioni. Sul tema più specifico dei decessi e della mortalità, oggetto dell'interrogazione, voglio richiamare un importante lavoro che è stato fatto finora sette volte e che è frutto di una collaborazione tra l'Istituto superiore di sanità e l'Istat. L'ultimo rapporto pubblicato risale al 2 marzo ed è appunto il settimo dall'inizio della pandemia. Dentro quel rapporto ci sono tutti i dati che, in qualche modo, venivano richiesti dall'interrogazione. Assicuro però da parte mia che continueremo, dentro questo contesto, il nostro lavoro di monitoraggio e che daremo massima attenzione alle proposte che lei ha indicato nell'interrogazione.


Senato della Repubblica 
Resoconto stenografico della seduta pubblica n. 426
Giovedì 21 aprile 2022

  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 21 aprile 2022