Per visualzzare correttamente il contenuto della pagina occorre avere JavaScript abilitato.
Vai al sito Influenza
immagini di vari farmaci

Le due classi di farmaci antivirali per la profilassi e il trattamento dell’influenza sono:

  • gli inibitori della neuraminidasi (oseltamivir -Tamiflu e zanamivir -Relenza)
  • gli inibitori della proteina virale M2 (amantadina e rimantadina).

Gli inibitori della neuraminidasi, attualmente autorizzati nell'Unione Europea /Spazio economico europeo per il trattamento e la profilassi dell’influenza (influenza stagionale, pandemica e zoonotica), sono stati oggetto di dibattito sulla loro efficacia e sicurezza e di conseguenza, anche sull'appropriatezza di stoccare questi farmaci per il loro utilizzo in future pandemie influenzali. (leggi Expert opinion on neuraminidase inhibitors for the prevention and treatment of influenza - review of recent systematic reviews and meta-analyses).

L’OMS ritiene che l’impiego degli antivirali debba essere limitato a casi selezionati (pazienti con patologia cronica di base associata a sospetta o confermata infezione da virus influenzale (ad esempio polmoniti, sepsi o aggravamento di malattie croniche sottostanti). Per saperne di più vai alla pagina OMS Influenza (Seasonal)

In letteratura è stato descritto che i virus dell’influenza possono acquisire resistenza agli antivirali. Per questo, l’uso profilattico degli antivirali non è raccomandato di routine durante le epidemie stagionali di influenza.

E' importante ricordare che gli antivirali:

  • non sono un’alternativa alla vaccinazione
  • devono essere sempre assunti su prescrizione e sotto controllo medico
  • devono essere assunti con tempestività (entro 48 ore dall'insorgenza dei sintomi).

Per approfondire


  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email

Data di pubblicazione: 23 settembre 2008, ultimo aggiornamento 9 giugno 2020

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area