Nel 2015 Il Ministero della salute ha attivato la Banca Dati Telematica della Sperimentazione Animale. Il nuovo database si inserisce in un progetto più ampio di semplificazione burocratica che contempla, tra le altre cose, proprio lo sviluppo e l’utilizzo di una piattaforma per la «gestione telematica dei progetti di ricerca». Tale piattaforma ha portato una serie di vantaggi.

Nell’ambito della rendicontazione dei dati statistici sull’utilizzo di animali a fini sperimentali, consente di:

  • raccogliere a livello nazionale i dati richiesti dalla Commissione Europea
  • facilitare e guidare l’inserimento dati a livello di stabulari
  • controllare la qualità dei dati inseriti
  • facilitare, a livello ministeriale, l’analisi, il controllo e l’invio dei dati alla Commissione Europea

Dal 5 ottobre 2015 anche l’invio delle richieste di autorizzazione per i progetti di ricerca è possibile solo ed esclusivamente attraverso questo sistema informativo. La gestione telematica dell’iter di approvazione permette all’amministrazione di:

  • snellire le procedure e rispettare i tempi previsti dalla normativa, ovvero 40 giorni lavorativi decorrente dal momento della ricezione della domanda
  • annullare i tempi di attesa richiesti in precedenza dalle comunicazioni tradizionali e dal sistema cartaceo.

L’adozione del processo telematico completo consente agli Istituti di ricerca di monitorare, passo dopo passo, lo stato di avanzamento della domanda, fino alla sua approvazione o al suo respingimento e di comprendere in modo tempestivo le ragioni di un eventuale stallo, così da poter integrare, se necessario, la domanda con i documenti richiesti.

Consulta:


Data di pubblicazione: 7 aprile 2016, ultimo aggiornamento 7 aprile 2016

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area