Il Sistema informativo “Piano Nazionale Residui” permette la raccolta e l’elaborazione dei dati di attuazione del Piano Nazionale Residui e delle informazioni che provengono dal territorio per la trasmissione alla Commissione Europea. Il sistema è accessibile da parte degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (II.ZZ.SS.), degli Assessorati alla salute, delle Regioni e della P.A. di Trento, dell’Assessorato all’Agricoltura della P.A. di Bolzano. Gli IIZZSS, le Regioni e P.A. hanno visibilità unicamente sui dati di propria competenza, mentre il Ministero ha la possibilità di visualizzare i dati dell’intero territorio nazionale. Le principali funzionalità del sistema sono di seguito descritte:

  1. il Ministero inserisce il Piano Nazionale Residui con la programmazione definita ai sensi delle normative comunitarie, in base alle produzioni nazionali;
  2. il sistema permette di suddividere il numero di campioni tra le Regioni e Province Autonome sulla base dei dati di produzione delle singole Regioni/P.A;
  3. le Regioni/P.A. visualizzano il numero di campioni ad esse attribuito dal sistema e procedono alla suddivisione dei campioni tra le AUSL del proprio territorio;
  4. gli II.ZZ.SS. inseriscono, nel sistema, i dati relativi alle informazioni presenti nel verbale di prelievo e agli esiti delle analisi di loro competenza, anche qualora il campione venga trasmesso ad altro laboratorio per l’effettuazione delle analisi. Gli II.ZZ.SS. aggiornano la banca dati con frequenza mensile. I dati immessi in NSIS/PNR sono resi visibili alle Regioni/P.A. e al Ministero a partire dal giorno successivo a quello di caricamento;
  5. le Regioni/P.A. verificano la corrispondenza tra quanto inserito nel sistema dagli II.ZZ.SS. e le informazioni provenienti dalle ASL competenti per il prelievi e procedono a convalidare il dato entro il 28 febbraio di ogni anno. Tale attività di verifica, che attribuisce carattere di ufficialità agli stessi, è di particolare importanza sia per il controllo dei livelli di attività di ciascuna area territoriale, sia nel caso di riscontro di non conformità analitiche.
  6. i dati inseriti nel sistema dagli II.ZZ.SS. e convalidati dagli Assessorati vengono elaborati dal Ministero e trasmessi alla Commissione Europea, tramite un sistema informativo comunitario, entro il 31 marzo di ogni anno.

Per adempiere a quanto dovuto è necessario che a tutti i livelli si presti particolare attenzione all’esattezza, completezza e puntualità di trasmissione dei dati e al rispetto dei termini di scadenza previsti per le operazioni di convalida.


Data di pubblicazione: 22 ottobre 2014, ultimo aggiornamento 22 ottobre 2014

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area