Il Ministero della salute, d'intesa con le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, ha promosso, in attuazione della legge 38/2010, la realizzazione di campagne istituzionali di comunicazione destinate a informare i cittadini sulle modalità e sui criteri di accesso alle prestazioni e ai programmi di assistenza in materia di cure palliative e di terapia del dolore connesso alle malattie neoplastiche e a patologie croniche e degenerative, anche attraverso il coinvolgimento e la collaborazione dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, delle farmacie pubbliche e private nonché delle organizzazioni private senza scopo di lucro impegnate nella tutela dei diritti in ambito sanitario ovvero operanti sul territorio nella lotta contro il dolore e nell'assistenza nel settore delle cure palliative.

Le campagne avevano l'obiettivo di promuovere e diffondere nell'opinione pubblica la consapevolezza della rilevanza delle cure palliative, anche delle cure palliative pediatriche, e della terapia del dolore, attraverso il superamento del pregiudizio relativo all'utilizzazione dei farmaci per il trattamento del dolore, illustrandone il fondamentale contributo alla tutela della dignità della persona umana e al supporto per i malati e per i loro familiari.

Il primo risultato è stato una campagna informativa, condivisa con l’AGENAS,  che si è sviluppata su diversi canali comunicativi: un poster in cui è rappresentato un muro di graffiti con la scritta dolore in diverse lingue del mondo ed uno strappo che consente di nuovo di vedere il cielo; un logo rappresentato da uno stetoscopio stilizzato che prende le sembianze di un fiore di papavero che per assonanza ricorda la possibilità di utilizzo dei farmaci oppiacei nella lotta al dolore, uno slogan ed una sceneggiatura. Lo slogan recita “Non ti sopporto più! Il DOLORE non va sopportato: va eliminato”, in cui è insita una forte esortazione ad affrontare e superare in modo attivo una patologia che può avere effetti disastrosi sia fisici, che psicologici e relazionali, ed infine una sceneggiatura che è stato lo spunto iniziale per la realizzazione di uno spot televisivo che ha  il compito di informare e sensibilizzare l’opinione pubblica su questo tema così complesso.

Concorso di idee: Lotta contro il dolore

 

La seconda iniziativa, nata dalla collaborazione tra il Ministero e la Conferenza delle Regioni, ha visto la creazione della campagna “Non più soli nel dolore”.  In particolare la Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei e internazionali del Ministero della Salute è stata impegnata sin dal 2010 nella realizzazione di iniziative di comunicazione per informare e diffondere nell'opinione pubblica la consapevolezza della rilevanza delle cure palliative e della terapia del dolore.

Campagna Non più soli nel dolore

 


Data di pubblicazione: 25 giugno 2013, ultimo aggiornamento 22 febbraio 2017

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area