La gestione del rischio clinico in sanità (clinical risk management) rappresenta l’insieme di varie azioni messe in atto per migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie e garantire la sicurezza dei pazienti, sicurezza, tra l’altro, basata sull’apprendere dall’errore. Solo una gestione integrata del rischio può portare a cambiamenti nella pratica clinica, promuovere la crescita di una cultura della salute più attenta e vicina al paziente ed agli operatori, contribuire indirettamente ad una diminuzione dei costi delle prestazioni ed, infine, favorire la destinazione di risorse su interventi tesi a sviluppare organizzazioni e strutture sanitarie sicure ed efficienti.

Le azioni in atto del Ministero della Salute

  • Il governo del rischio clinico - Affrontare la sicurezza dei pazienti in un’ottica di miglioramento della qualità globale del sistema sanitario. Per questo è stato già istituito nel mese di dicembre 2006 il “Centro di riferimento nazionale sulla sicurezza dei pazienti”
  • Monitoraggio e analisi degli eventi avversi - Attivazione del “Sistema informativo per il monitoraggio degli errori in sanità” (SIMES).
  • Raccomandazioni - Fornire indicazioni per prevenire il verificarsi di eventi avversi
  • Coinvolgimento dei cittadini, pazienti ed utenti - Rendere cittadini e pazienti protagonisti della propria salute e dei propri percorsi assistenziali
  • Aspetti medico-legali ed assicurativi - Una nuova legge per la responsabilità professionale e per l’assicurazione obbligatoria di Asl e Ospedali

Le Commissioni e i Gruppi di lavoro

Nell’ambito delle attività avviate dal Ministero della Salute in tema di Qualità dei servizi sanitari,sono state istituite presso la Direzione Generale della Programmazione sanitaria, dei Livelli essenziali di assistenza e dei Principi etici di sistema:

  • la Commissione Tecnica sul Rischio Clinico (D.M. 5 marzo 2003)
  • il Gruppo di Lavoro per il Rischio Clinico (D.D. 14 maggio 2005)
  • il Gruppo di lavoro per la Sicurezza dei Pazienti (D.D. 20 febbraio 2006)

Il Gruppo di lavoro per la Sicurezza dei Pazienti ( D.D. 20 febbraio 2006) ha continuato l’attività svolta dai precedenti Gruppi con la finalità di studiare le seguenti 4 aree ritenute prioritarie nell’analisi della problematica:

  • monitoraggio di eventi avversi in particolar modo degli eventi sentinella;
  • elaborazione di raccomandazioni;
  • analisi degli eventi avversi e implementazione di politiche di formazione;
  • coinvolgimento dei pazienti; aspetti giuridici e medico legali.

I Documenti


Nel luglio 2010 è partita la verifica dell'adozione della Checklist nei vari contesti italiani; Regioni, Province Autonome e strutture sanitarie sono state invitate a compilare un questionario (doc, 55 Kb) ed inviarlo via mail, entro il 30 settembre 2010, all'indirizzo: chirurgiasicura@sanita.it 

  • Settembre 2009. Manuale RCA (Root Cause Analysis) (pdf, 450 Kb), che descrive una delle modalità di analisi per individuare le cause e i fattori contribuenti al verificarsi di un evento avverso, al fine di diffonderne l’utilizzo tra gli operatori. Nella prospettiva di sviluppare le necessarie conoscenze per migliorare la qualità e la sicurezza delle cure, sono in completamento i documenti per l’analisi degli eventi avversi relativamente all’uso della Root Cause Analysis, dell’audit clinico e della FMEA.
  • Settembre 2007. Sicurezza dei pazienti e gestione del rischio clinico: Manuale per la formazione degli operatori sanitari (pdf, 1 Mb). Obiettivo del documento è quello di offrire a tutti gli operatori sanitari, indipendentemente dal ruolo, l’ambito professionale ed il setting assistenziale, un’opportunità di formazione nello specifico ambito della sicurezza dei pazienti e della gestione del rischio clinico ed a Regioni, Province Autonome ed Aziende, alle quali spetta il compito di sviluppare programmi ulteriori di formazione, un valido strumento, nella logica del miglioramento della qualità e della sicurezza delle cure. 
  • Marzo 2004. “Risk management in Sanità. Il problema degli errori” (pdf, 1,8 Mb), elaborato dalla Commissione che ha lavorato nel 2003. Partendo dall’analisi approfondita del tema del rischio clinico, il documento fornisce una raccolta di riflessioni e raccomandazioni utili agli operatori che lavorano in ambiente sanitario. Esso è composto da una parte a carattere generale ed una più specifica dove sono presi in esame alcuni dei numerosi aspetti critici dell’assistenza sanitaria. Vista la delicatezza e la complessità del tema, il documento sarà soggetto ad aggiornamento ed implementazione. 
  • Per meglio individuare a livello nazionale l’entità del problema “Rischio clinico”, la Commissione Tecnica sul Rischio clinico ha provveduto alla stesura di un Questionario (xls, 335 Kb) per raccogliere informazioni sulle iniziative avviate dalle Aziende sanitarie in tema di gestione del rischio.
    Il Questionario è stato inviato agli Assessorati alla Sanità delle Regioni e Province autonome, a tutti gli Uffici di Qualità delle Aziende USL, delle Aziende ospedaliere, degli IRCCS e dei Policlinici universitari (e/o anche alle Direzioni generali e sanitarie).
    Il Questionario consta di tre sezioni:

    • nella prima sono state raccolte informazioni riguardo le caratteristiche amministrative ed organizzative della Struttura sanitaria;
    • nella seconda sono state richieste informazioni relative ad un aspetto del Rischio clinico, ovverosia agli eventi avversi “evitabili” (escluse le complicanze attese inerenti l’evoluzione naturale e/o intrinseche nel trattamento sanitario);
    • nella terza sezione sono state rilevate notizie su alcuni/e Unità/Servizi/Uffici coinvolti/e nella tematica del Rischio clinico.

Dopo un primo controllo di congruenza delle risposte, si è passati all’elaborazione delle informazioni pervenute e alla stesura della Rilevazione nazionale sulle iniziative per la sicurezza del paziente nelle strutture del SSN (pdf, 400 Kb), che rappresenta la prima fotografia delle inziative intraprese in questo ambito a livello nazionale.


Data di pubblicazione: 31 ottobre 2006, ultimo aggiornamento 10 luglio 2013

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area