La melamina (1,3,5-Triazine-2,4,6-triamina, formula bruta C3H6N6) si presenta come polvere bianca ed è scarsamente solubile in acqua. Viene ricavata dal carbone e poi utilizzata per produrre materie plastiche e fertilizzanti; le resine melaminiche in combinazione con la formaldeide trovano impiego anche nella produzione di materiali a contatto con gli alimenti.

In Cina la melamina è stata aggiunta agli alimenti per animali, con lo scopo di aumentarne fraudolentemente il contenuto proteico che risulta così maggiore di quanto realmente presente. Gli operatori dell’industria mangimistica cinese hanno ammesso apertamente che la melamina viene abitualmente aggiunta ai cibi per animali come “falsa proteina”. Per anni infatti i produttori di mangimi hanno addizionato i loro prodotti con la melamina, che viene registrata come proteina nei test sugli alimenti, ma non ha alcuna proprietà nutritiva.
Inoltre, la Commissione Europea “Health & Consumer protection directorate general” non esclude la presenza di questa sostanza anche in alimenti destinati all’uomo, in particolare in quelli destinati ai soggetti allergici al glutine di grano e per la prima infanzia.

Il nostro Paese si è mostrato da subito sensibile alla problematica infatti già nel 2007, il Ministero della Salute ha dato mandato al CReAA per la messa a punto della metodica per la ricerca della melamina. Contestualmente è stato richiesto attraverso la nota del Ministero della Salute n. prot. DGSA.VII.VIII/4335/P del 17 Maggio 2007 di provvedere ad un controllo sistematico delle partite di origine vegetale (glutine di frumento, glutine di mais, farina di mais, proteine di soia, crusca di riso e concentrati di proteine del riso) con origine o provenienza cinese ed un intensificazione dei controlli per le partite provenienti da altri Paesi Terzi al fine di accertare l’assenza di melamina.
Successivamente il Ministero con nota n. prot. DGSA 20740-P-21/10/2008 ha dato attuazione alla Decisione 2008/798/CE fornendo istruzioni operative concernenti i controlli sui mangimi sia all’importazione che sul territorio nazionale, sempre al fine di accertare il tenore di melamina.

Consulta:


Data di pubblicazione: 25 gennaio 2010, ultimo aggiornamento 14 gennaio 2011

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area