Il sistema dei Diagnosis Related Groups (DRG, Raggruppamenti omogenei di diagnosi) deriva dalla ricerca sulla funzione di produzione delle strutture ospedaliere iniziata nel 1967 dal gruppo dell’Università di Yale (Stati Uniti), coordinato da Robert Fetter. 
Tale ricerca ha tentato di capire se fosse possibile ipotizzare una funzione di produzione capace di determinare o misurare il risultato dell’attività di cura all’interno di una struttura ospedaliera, in base a determinate caratteristiche cliniche ed assistenziali dei pazienti.
Tali elementi conoscitivi avrebbero permesso di sviluppare e affinare programmi di verifica sull’utilizzo delle risorse (utilization review) e di gestione della qualità dell’assistenza (quality assurance) a supporto delle attività di analisi e valutazione della performance operativa degli ospedali.
L’idea iniziale di Fetter è stata quella di identificare il prodotto dell’ospedale in termini di classi o categorie di pazienti omogenei quanto a caratteristiche cliniche ed assistenziali, e quindi anche rispetto al profilo di trattamento atteso.
In tal modo si riconosce il ruolo fondamentale che la tipologia di casi trattati da una struttura ha sul consumo di risorse e, quindi, sui costi. 
Il modello proposto ipotizza una organizzazione dell’ospedale “a matrice”, con due funzioni di produzione separate:

  1. conversione dei fattori produttivi in prodotto intermedi quali pasti, analisi di laboratorio, diagnostica per immagini, medicazioni, interventi chirurgici;
  2. utilizzo dell’insieme di beni e servizi ritenuti appropriati dai professionisti per la diagnosi ed il trattamento di specifiche tipologie di pazienti.

I DRG sono una scala di tipo nominale (o per attributo) a più classi, che consente di distinguere gli individui appartenenti a classi differenti senza avere la possibilità di ordinarli in modo naturale; sono un modello clinico di tipo categorico - sviluppato da panel di clinici e verificato sulla base di ampie base di dati - che permette la individuazione di categorie o tipologie di pazienti simili per intensità di consumo di risorse  e clinicamente significative.

I DRG rappresentano lo strumento di classificazione del prodotto finale dell’ospedale e sono stati sviluppati in funzione delle seguenti caratteristiche principali: 

  1. la classificazione copre la globalità della casistica ospedaliera acuta (esaustività);
  2. la definizione delle categorie è basata su informazioni cliniche e demografiche raccolte sistematicamente per ogni episodio di ricovero attraverso la Scheda di Dimissione Ospedaliera;
  3. ogni soggetto è attribuito, in base alle informazioni sulle diagnosi, sugli eventuali interventi chirurgici e procedure diagnostiche o terapeutiche eseguiti, sull’età e sulla modalità di dimissione, ad una sola categoria (mutua esclusività);
  4. il numero complessivo delle categorie è limitato;
  5. i profili di carico assistenziale e di consumo di risorse intra-categoria sono simili (classificazione iso-risorse), ma rimane una variabilità interna residua;
  6. le tipologie di pazienti sono simili dal punto di vista clinico (significatività clinica).

Tali caratteristiche rendono il sistema di classificazione DRG particolarmente idoneo per essere utilizzato come riferimento ai fini della remunerazione dell’attività ospedaliera per acuti, per specificare le prestazioni di ricovero  alle quali attribuire tariffe predeterminate specifiche.

A tal proposito, è necessario precisare che:

  • la tariffa ha carattere di remunerazione omnicomprensiva del profilo di trattamento mediamente associato alla corrispondente categoria di ricoveri;
  • la tariffa può riflettere politiche di programmazione sanitaria mirate ad incentivare le modalità terapeutiche e/o organizzative ritenute più efficaci e più appropriate e a disincentivare quelle ritenute inappropriate.

Il Decreto del Ministero della Salute 18 ottobre 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 23 del 28 gennaio 2013, fissa le nuove tariffe per la remunerazione, tra l’altro, delle prestazioni di assistenza ospedaliera per acuti (allegato 1).


  •  VERSIONE 24.0 

La versione 24.0 dei Medicare DRG è utilizzata dal 1 gennaio 2009 per la specificazione dell’unità di remunerazione dell’assistenza ospedaliera per acuti erogata dagli ospedali pubblici e privati accreditati con il SSN. Tale versione prevede 538 gruppi validi, numerati da 1 a 579. Di questi, il 43.74% sono di tipo chirurgico.

Consulta le "Modifiche introdotte nel passaggio dalla ICD-9-CM 2002 alla ICD-9-CM 2007 e dalla versione 19 alla versione 24 dei MEDICARE DRG" (pdf, 100 Kb) e la tabella v.24 (pdf, 100 Kb) che riporta la distribuzione dei DRG per MDC e per tipo. Le MDC sono ordinate secondo la logica classificatoria del sistema.

  • VERSIONE 19.0

La versione 19.0 dei Medicare DRG è stata utilizzata dal 1 gennaio 2006 al 31 dicembre 2008. Tale versione prevede 506 gruppi validi, numerati da 1 a 523. Di questi, il 45.85% sono di tipo chirurgico.

Consulta la tabella v.19 (pdf, 100 Kb) che riporta la distribuzione dei DRG per MDC e per tipo. Le MDC sono ordinate secondo la logica classificatoria del sistema.

  • VERSIONE 10.0

La versione 10.0 dei Medicare DRG è stata utilizzata dal 1 gennaio 1995 al 31 dicembre. Tale versione prevede 489 gruppi validi, numerati da 1 a 492. Di questi, il 44.17% sono di tipo chirurgico.

Consulta la tabella v.10 (pdf, 150 Kb) che  riporta la distribuzione dei DRG per MDC e per tipo. Le MDC sono ordinate secondo la logica classificatoria del sistema.


Data di pubblicazione: 15 maggio 2009, ultimo aggiornamento 8 febbraio 2013

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area

Documentazione