Il nuovo nomenclatore: DPCM 12 gennaio 2017

Il nuovo nomenclatore dell’assistenza protesica (Allegato 5 al DPCM 12 gennaio 2017) provvede ad un aggiornamento atteso da oltre 16 anni: il precedente nomenclatore delle protesi risale infatti al 1999.

Le principali novità:

  • nuovi destinatari: sono inclusi tra i destinatari degli ausili protesici anche le persone affette da alcune malattie rare e gli assistiti in assistenza domiciliare integrata;
  • l’importanza della qualità: nelle descrizioni degli ausili sono riportati componenti innovative e criteri di qualità costruttiva, al fine di scongiurare l’erogazione di ausili di scarsa qualità e con caratteristiche tecniche insufficienti;
  • meno burocrazia: l’individuazione degli ausili avviene con un linguaggio semplice e immediato e le procedure di fornitura vengono semplificate e snellite.

Il nuovo nomenclatore dell’assistenza protesica consentirà, tra l’altro, di prescrivere:

  • strumenti e software di comunicazione alternativa ed aumentativa;
  • tastiere adattate per persone con gravissime disabilità;
  • dispositivi per il puntamento con lo sguardo;
  • apparecchi acustici a tecnologia digitale;
  • dispositivi per allarme e telesoccorso;
  • posaterie e suppellettili adattati per le persone con disabilità motorie;
  • scooter elettrici a quattro ruote;
  • carrozzine con sistema di verticalizzazione, bariatriche e per assistiti affetti da distonie;
  • sollevatori fissi e carrelli servoscala per ambienti interni;
  • maniglioni, braccioli e supporti per l’ambiente bagno;
  • ausili (sensori e telecomandi) per di controllo degli ambienti;
  • protesi ed ortesi di tecnologie innovative.

Norme transitorie

Affinché le nuove prestazioni di assistenza protesica “su misura” (così come quelle di assistenza specialistica ambulatoriale), inserite nei nuovi LEA, possano essere erogate effettivamente, è necessario attendere la pubblicazione delle tariffe, in via di definizione, da corrispondere per queste prestazioni agli erogatori.

Nel periodo tra l’entrata in vigore dei nuovi LEA e la pubblicazione del decreto con le tariffe, verranno erogate ancora le prestazioni e gli ausili elencati nel precedente nomenclatore: DM 27 agosto 1999 n. 332

Il precedente nomenclatore: DM 27 agosto 1999, n. 332

Il DM 27 agosto 1999 n. 332 (sostituito dal DPCM 12 gennaio 2017 che definisce i nuovi LEA), prevede che il Servizio sanitario nazionale garantisca alle persone riconosciute invalide o in attesa di riconoscimento dell’invalidità le prestazioni sanitarie che comportano l’erogazione di protesi, ortesi ed ausili tecnologici. Il decreto individua nel dettaglio le categorie di persone con diritto all’assistenza protesica, le prestazioni che comportano l'erogazione dei dispositivi riportati negli elenchi 1, 2 e 3 del nomenclatore tariffario e le modalità di erogazione.

L'elenco n. 1 (pdf, 500 Kb) del nomenclatore contiene i dispositivi (protesi, ortesi e ausili tecnici) costruiti su misura e quelli di fabbricazione continua o di serie che necessitano di essere specificamente individuati e allestiti a misura o la cui applicazione richiede modifiche eseguite da un tecnico abilitato su prescrizione di un medico specialista.

L'elenco n. 2 (pdf, 160 Kb) del nomenclatore contiene i dispositivi (ausili tecnici) di serie, la cui applicazione o consegna non richiede l'intervento del tecnico abilitato.

L'elenco n. 3 (pdf, 40 Kb) del nomenclatore contiene gli apparecchi acquistati direttamente dalle aziende  sanitarie locali ed assegnati in uso all’assistito.


Data di pubblicazione: 25 marzo 2009, ultimo aggiornamento 5 aprile 2017

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area