L'intervento chirurgico principale indica la procedura chirurgica effettuata nel corso del ricovero.
Per l'intervento chirurgico principale indicare:

  • nei primi otto caratteri, la data nella quale è stato eseguito, da riportare secondo l'ordine: ggmmaaaa;
     
  • nei successivi quattro caratteri: il codice corrispondente all'intervento chirurgico, secondo la Classificazione internazionale delle malattie modificazione clinica (versione italiana della versione 1997 della International Classification of Diseases - 9th revision - Clinical Modification). Individuare il codice al più elevato livello di specificità consentito dalla classificazione utilizzando ove possibile tutti i quattro caratteri; nei casi in cui si usino meno di quattro caratteri, allineare i caratteri a sinistra. 

Riportare gli altri interventi chirurgici eventualmente effettuati nel corso dello stesso ricovero, nonché le procedure diagnostiche e terapeutiche più importanti fra quelle cui è stato sottoposto il paziente. 

Per ciascuna procedura indicare il codice corrispondente all'intervento chirurgico o alla procedura diagnostica o terapeutica, secondo la Classificazione internazionale delle malattie - modificazione clinica (versione italiana della versione 1997 della International Classification of Diseases - 9th revision - Clinical Modification: ICD-9-CM); riportare il codice più specifico utilizzando, in tutti i casi in cui è possibile, un codice a quattro caratteri; negli altri casi allineare i caratteri a sinistra.

Se nel corso dello stesso ricovero sono stati effettuati più interventi e/o procedure, devono essere utilizzati i seguenti criteri per la scelta della sequenza corretta:

  1. in presenza di più interventi chirurgici, selezionare e codificare come principale quello maggiormente correlato alla diagnosi principale di dimissione e, comunque, quello che ha comportato il maggior peso assistenziale ed il maggior consumo di risorse (uso di sala operatoria, medico anestesista, équipe operatoria, ecc.); 

  2. nel caso in cui siano segnalati sia interventi chirurgici sia procedure, codificare sempre prima gli interventi chirurgici; 

  3. quando nella cartella clinica vengano indicati interventi e/o procedure in numero superiore ai sei previsti dalla struttura della S.D.O., la scelta delle priorità delle segnalazioni è lasciata al medico che compila la scheda di dimissione, tenendo comunque conto del seguente ordine decrescente di priorità: 

    • interventi chirurgici a cielo aperto
    • interventi per via endoscopica e/o laparoscopica
    • le seguenti procedure che determinano l'attribuzione a specifici raggruppamenti diagnostici (DRG): 

      • 87.53 colangiografia intraoperatoria
      • 88.52 angiocardiografia del cuore destro 
      • 88.53 angiocardiografia del cuore sinistro
      • 88.54 angiocardiografia combinata del cuore destro e sinistro
      • 88.55 arteriografia coronarica con catetere singolo
      • 88.56 arteriografia coronarica con catetere doppio
      • 88.57 altra e non specificata arteriografia coronarica
      • 88.58 roentgengrafia cardiaca con contrasto negativo
      • 92.27 impianto o inserzione di elementi radioattivi
      • 92.3 radiochirurgia stereotassica
      • 94.61 riabilitazione da alcool
      • 94.63 disintossicazione e riabilitazione da alcool
      • 94.64 riabilitazione da farmaci
      • 94.66 disintossicazione e riabilitazione da farmaci
      • 94.67 riabilitazione combinata da alcool e farmaci
      • 94.69 riabilitazione e disintossicazione combinata da alcool e farmaci
      • 95.04 esame dell'occhio in anestesia
      • 96.70 ventilazione meccanica continua, durata non specificata
      • 96.71 ventilazione meccanica continua, durata meno di 96 ore consecutive
      • 96.72 ventilazione meccanica continua, durata 96 ore consecutive o più
      • 98.51 litotripsia extracorporea di rene, uretere e/o vescica 

    • interventi chirurgici a cielo aperto procedure interventistiche diagnostiche o terapeutiche (es. asportazione di polipo in corso di colonscopia diagnostica) 

    • procedure in senso stretto, con o senza biopsia, comprese nel primo settore (codd. da 01.- a 86.-) (es. gastroscopia) 

    • altre procedure diagnostiche o terapeutiche comprese nel secondo settore (codd. da 87.- a 99.-), dando la priorità a quelle più invasive e/o più impegnative (TAC, NMR, litotripsia, radioterapia, ecc.).

Data di pubblicazione: 23 febbraio 2009

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area