I deodoranti e profumi per interni, i cosiddetti “airfresheners”, vengono utilizzati in tutte le case nelle più diverse forme (spray, incensi, olii essenziali ecc.). 

Gli studi scientifici sugli effetti degli “airfresheners” sulla salute sono molto scarsi, anche perchè la legge fino ad ora non prevedeva che le ditte eseguissero controlli sulle sostanze che rimanevano nell'aria indoor, dopo aver utilizzato il prodotto o che approfondissero eventuali effetti a lungo termine. D’altro canto non esiste al momento alcuna normativa specifica in ambito nazionale ed europeo che obblighi i produttori ad indicare in etichetta gli ingredienti utilizzati. 

I deodoranti per ambienti possono rilasciare nell'aria sostanze organiche volatili, fra le quali ve ne sono alcune i cui effetti dannosi sono noti come irritanti per occhi, naso, gola, allergizzanti se inalati o addirittura sospettate di cancerogenicità, mentre per altre sostanze gli effetti sono ancora sconosciuti. 


Data di pubblicazione: 24 ottobre 2007, ultimo aggiornamento 8 maggio 2017

Pubblicazioni   |   Opuscoli e poster   |   Normativa   |   Home page dell'area tematica Torna alla home page dell'area