La fabbricazione dei medicinali e di materie prime farmacologicamente attive ad uso veterinario è subordinata ad un’autorizzazione rilasciata dal Ministero della Salute, Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti- Direzione Generale della Sanità Animale e del Farmaco Veterinario- Ufficio V- ed è disciplinata dal decreto legislativo 6 aprile 2006 n. 193 e successive modifiche

Le tariffe sono state pubblicate sulla G.U. della Repubblica Italiana Serie Generale mediante il decreto del Ministero della Salute 19 luglio 1993 (G.U. Serie Generale n.172 del 24.7.1993), e ildecreto del Ministero della Salute 5 giugno 2003. “Modificazione delle tariffe dovute al Ministero della Salute per i servizi resi” ( G.U. Serie Generale n. 220 del 22.9.2003)

Il Ministero della Salute, secondo quanto previsto dalla normativa vigente, pubblica sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana l’elenco degli stabilimenti ubicati sul territorio italiano autorizzati alla fabbricazione di medicinali ad uso veterinario

Il Ministero della salute ende pubblico l’ elenco strutture autorizzate alla detenzione e commercializzazione di sostanze farmacologicamente attive da impiegare nella fabbricazione di medicinali ad uso veterinario autorizzate ai sensi dell’art. 69 del decreto legislativo 193/2006 e successive modifiche ed integrazioni

Il Ministero della Salute, su richiesta di un fabbricante, di un esportatore o delle autorità di un Paese terzo importatore, certifica che un fabbricante di medicinali veterinari possiede l’autorizzazione alla fabbricazione

Il Ministero della Salute, su richiesta, rilascia copia della certificazione  di conformità alle Norme di Buona Fabbricazione (cNBF)

Il Ministero della Salute, su richiesta, rilascia copia della certificazione di riconoscimento dell’idoneità a svolgere la funzione di Persona Qualificata

In questa sezione l’utente può reperire informazioni in merito alle modalità di comunicazione del rinvenimento di difetti di qualità dei medicinali veterinari (correlabili a difetti di fabbricazione)