In evidenza


Il Piano Nazionale Integrato è finalizzato ad orientare i controlli ufficiali per la sicurezza alimentare e per la lotta alle frodi lungo l'intera filiera produttiva, dai campi alla tavola, in funzione dei rischi. A tal fine, le attività di controllo sulle produzioni alimentari devono essere integrate con tutti i fattori che possono condizionarle direttamente o indirettamente, quali, in particolare, la sanità ed il benessere degli animali, l'alimentazione zootecnica, la sanità delle piante ed alcune tematiche relative alla tutela dell'ambiente.

La razionalizzazione dei controlli in funzione dei rischi e l'ottimizzazione dell'uso delle risorse disponibili sono processi che richiedono una visione d'insieme del Sistema ed un elevato coordinamento interistituzionale ed interdisciplinare.

In tal senso, in adempimento del Titolo V del Regolamento (CE) n.882/2004, che ne stabilisce l'ambito di applicazione, ed in conformità alla Decisione 2007/363/CE, che ne individua i requisiti fondamentali, viene predisposto il PNI, che descrive il Sistema dei controlli sulla filiera produttiva.

Il Piano è funzionalmente completato dalla Relazione annuale al PNI, redatta ai sensi del Regolamento già citato e in conformità alla Decisione 2008/654/CE. La Relazione, che illustra le attività svolte in tutti i settori del Piano ed i risultati ottenuti, rappresenta un duplice strumento operativo, sia di verifica che di orientamento del Sistema, e riveste un ruolo fondamentale nel processo di valutazione dei rischi.

Il PNI e le Relazioni annuali sono quindi documenti ufficiali diretti innanzitutto alle Autorità Competenti ed agli operatori del controllo ufficiale, in ambito nazionale, ed ai Servizi Ispettivi della Commissione europea e Autorità dei Paesi terzi, in ambito sovranazionale.

Il Ministero della Salute, punto di contatto nazionale, cura la redazione del Piano e delle Relazioni annuali in coordinamento con le altre amministrazioni competenti per i diversi settori, quali, in particolare, le Regioni e Province autonome, il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, i reparti specializzati del Comando Carabinieri, le Capitanerie di porto, il Corpo Forestale dello Stato, l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e la Guardia di finanza.

Consulta il Piano Nazionale Integrato 2015-2018

Consulta la Relazione annuale al PNI - 2014