SaluteInforma+

Iscriviti alla newsletter SaluteInforma+


Notizie

Le recenti dichiarazioni e interviste del Ministro

Comunicati

Leggi gli ultimi comunicati stampa del Ministero della Salute


In primo piano

Conferenza di presentazione dei risultati dell'operazione condotta dai Nas "Estate tranquilla"

Il ministro della Salute, on. Giulia Grillo, e il comandante dei Carabinieri per la Tutela della Salute, Gen. D. Adelmo Lusi, hanno illustrato oggi i risultati dell'operazione "Estate Tranquilla 2018", presso l'auditorium del ministero della Salute (Lungotevere Ripa 1, Roma).

Il ministro della Salute, On. Giulia Grillo, ha sottolineato "L'attività dei Carabinieri dei Nas è fondamentale per il nostro Paese perché riesce a evidenziare irregolarità, trascuratezze, illeciti e abusi di ogni tipo che hanno impatto sulla vita dei cittadini. Le operazioni di controllo sulla filiera alimentare, sulle condizioni igienico-sanitarie della ristorazione, nei luoghi dove noi tutti trascorriamo le vacanze e nelle nostre città, sono essenziali perché l'Italia, che vive anche di turismo, non può permettersi di fare passi indietro sul rispetto delle norme. Chiunque visita i nostri bellissimi luoghi di villeggiatura deve avere garanzia di trovare ovunque condizioni igienico-sanitarie ottimali. Come ministro della Salute mi preme anche sottolineare l'importanza del lavoro dei Carabinieri del Nas nelle strutture socio-sanitarie. I nostri cittadini più fragili, gli anziani, le persone portatrici di disabilità non possono vivere in strutture igienicamente carenti o in cui la manutenzione dei locali è scarsa o, peggio ancora, in cui le cure non sono erogate come previsto. Le persone non autosufficienti hanno diritto a un'assistenza adeguata e non possono essere tollerati atti di incuria. Farmaci scaduti, sporcizia, abbandono non possono esistere nelle case di cura di un Paese civile. Ringrazio i Carabinieri dei Nas per il loro lavoro silenzioso e operoso al servizio di tutti noi cittadini".

I Carabinieri dei Nas hanno svolto un articolato piano di controlli, sviluppato nei mesi estivi da giugno a ottobre, che ha riguardato aree urbane, rurali e località turistiche con verifiche su stabilimenti balneari, agriturismi, villaggi turistici, campeggi, rivendite alimentari, punti di ristoro autostradali, aree portuali e valichi di frontiera.

L'operazione ha garantito la tutela delle fasce deboli della popolazione, realizzando mirati controlli alle strutture assistenziali per anziani e attività di contrasto al fenomeno del binge drinking sempre più diffuso tra i giovani.

Il Comandante dei Carabinieri per la Tutela della Salute, Gen. D. Adelmo Lusi, in merito all'operazione svolta ha sottolineato "Gli esiti dell’attività di controllo dei NAS nel periodo estivo ripropongono, ancora una volta, il ruolo significativo offerto da questo Reparto Speciale in tema di controlli nella filiera alimentare ed a tutela dei contesti sanitari ed assistenziali più sensibili della società. La costante e capillare attività di sorveglianza realizzata con oltre 3.700 interventi mirati su specifici comparti commerciali, supportata dalla riconosciuta professionalità ed esperienza dei militari specializzati dell’Arma, rappresenta tuttora uno dei principali strumenti di garanzia per un sereno periodo estivo e di vacanza. Sebbene gli esiti di Estate Tranquilla consentano di illustrare un quadro di situazione in linea con le attese circa la regolarità dei servizi offerti, nel contempo suggeriscono la necessità di contenere la possibile estensione di fisiologici fenomeni di trascuratezza e illiceità comunque rilevati nel corso della vigilanza".

Per approfondimenti consulta la pagina dedicata sul Portale del ministero della salute.

 




Ministero della Salute all'Assemblea annuale dell'Anci

Il ministero della Salute parteciperà anche quest'anno con un proprio stand all'Assemblea annuale dell'Anci che si svolgerà a Rimini dal 23 al 25 ottobre 2018. L'Assemblea rappresenta un importante appuntamento per sviluppare sinergie e incrementare l'adesione dei Comuni alle best practice proposte dal ministero e per veicolare i messaggi e le campagne su tematiche di prevenzione e di tutela della salute.

Quest'anno, in occasione della ricorrenza del 40ennale della Legge Basaglia, il ministero punterà in particolare a coinvolgere i Sindaci italiani in una azione di sensibilizzazione contro il pregiudizio sul disagio mentale. Sarà lanciata una campagna di sensibilizzazione sulla lotta allo stigma e i Sindaci potranno aderirvi sottoscrivendo un apposito form in cui si impegnano a sensibilizzare i loro territori diffondendo i materiali editoriali predisposti appositamente dal ministero.

 




Giornata mondiale della salute mentale, nel segno dei 40 anni della legge Basaglia

In occasione della Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e celebrata il 10 ottobre, il ministro della Salute Giulia Grillo si è recata a visitare il Museo Laboratorio della Mente della ASL Roma 1 (ex manicomio di S.Maria delle Pietà), queste le sue parole:

"Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale ho voluto visitare un luogo fortemente simbolico, l’ex manicomio di Santa Maria delle Pietà di Roma, da qualche anno trasformato in un bellissimo museo-laboratorio e, dunque, emblema del superamento del sistema manicomiale. E ringrazio l’Asl 1 di Roma per il grande lavoro di recupero che sta portando avanti.
Oggi è anche l’occasione per ricordare i 40 anni della legge Basaglia, che in soli 11 articoli cambiò il paradigma dell’approccio alla malattia psichiatrica, ponendo le basi per la chiusura dei manicomi, istituzioni chiuse da cui una volta entrati era molto difficile uscire e, fino ad allora, unica risposta terapeutica per i pazienti psichiatrici. Dal 1978 molto è cambiato, sono nati molti modelli virtuosi di presa in carico, ma molto dev’essere ancora fatto e il rischio di fare passi indietro è sempre in agguato.
Il Museo Laboratorio della Mente ci stimola a riflettere sul ruolo della comunità nella cura delle malattie psichiatriche. Non è possibile delegare la cura soltanto al rapporto medico-paziente, il ruolo della comunità è fondamentale e dev’essere parte attiva in questo processo. La salute mentale è già un capitolo importante del nostro sistema sanitario, ma bisogna fare di più perché, come ci segnala l’Organizzazione Mondiale della Sanità, sarà la vera emergenza del futuro e non possiamo lasciare il peso di questa responsabilità solamente ai servizi psichiatrici e ai loro operatori. La Giornata mondiale quest’anno è dedicata agli adolescenti: la metà di tutte le malattie mentali, come ci ricordano gli psichiatri, cominciano intorno ai 14 anni, l’adolescenza è terra di nessuno per le cure, dobbiamo fare molta più prevenzione.
I ricoveri, i farmaci e le psicoterapie non bastano da sole per ottenere quell’integrazione sociale senza la quale non può esistere guarigione o comunque un miglioramento delle condizioni di vita del paziente.
È necessario un cambiamento culturale per accettare la malattia mentale come possibilità esistenziale delle persone, accettando la diversità che rende unico ogni individuo
".

Continua a leggere...




Liste di attesa: al via numero di pubblica utilità 1500, servizio sperimentale per l'informazione e l'ascolto dei cittadini

Dal lunedì al venerdì, dalle ore 10.00 alle ore 16.00, risponde il personale sanitario del ministero della Salute.

Al numero 1500 risponde il personale sanitario del ministero per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni sulle esperienze dei cittadini.

Il servizio di risposta telefonica, previsto per tre mesi, ha carattere sperimentale. E' possibile segnalare la propria esperienza anche attraverso un modulo on line.

I dati raccolti saranno analizzati per promuovere interventi migliorativi in accordo con le Regioni e Province autonome, cui competono programmazione e organizzazione dei servizi sanitari. Il progetto ha visto la collaborazione di Cittadinanzattiva che ha testato il servizio insieme ai suoi volontari in tutte le regioni d'Italia.

Fin dall'inizio del proprio mandato il ministro Giulia Grillo ha posto le liste d'attesa tra le priorità dell'azione di governo. In considerazione della rilevanza del tema e dei ritardi che si sono verificati negli ultimi anni, ha avviato un percorso per arrivare, grazie anche alla collaborazione di ciascun cittadino, a provvedimenti concreti volti a migliorare il sistema e a ridurre i tempi di attesa in modo equo e uniforme su tutto il territorio nazionale.

Tale percorso, iniziato a giugno con la richiesta di dati alle Regioni, ora prosegue con il numero 1500 e l'ascolto dei cittadini, e porterà alla realizzazione di un nuovo Piano nazionale di governo delle liste di attesa, in accordo con le Regioni e Province autonome.

Il servizio 1500 non effettua prenotazioni di prestazioni sanitarienon raccoglie denunce penali e non fornisce valutazioni cliniche sulle prescrizioni effettuate dal medico.

Per approfondire: http://www.salute.gov.it/portale/listeAttesa/homeListeAttesa.jsp.

 




Protocollo operativo InfluNet, stagione influenzale 2018-2019

Lunedì 15 ottobre 2018 è partita la raccolta delle segnalazioni dei casi di sindrome simil influenzale -ILI-, che terminerà domenica 28 aprile 2019, salvo ulteriori comunicazioni legate alla situazione epidemiologica nazionale.

Il protocollo InfluNet per la stagione 2018-2019 non prevede novità sostanziali rispetto alla precedente stagione influenzale.

Il sistema di sorveglianza InfluNet si basa su una rete di medici sentinella costituita da medici di Medicina Generale (MMG) e di Pediatri di Libera scelta (PLS), reclutati dalle Regioni, che segnalano i casi di sindrome simil influenzale (ILI) osservati tra i loro assistiti. I medici sentinella ed altri medici operanti nel territorio e negli ospedali collaborano inoltre alla raccolta di campioni biologici per l’identificazione di virus circolanti.

Continua a leggere...




G20 Health 2018, l'intervento dell'Italia

Si è svolto a Mar del Plata in Argentina il 3 e 4 ottobre 2018, il G20 Health 2018 con la partecipazione di Ministri ed altri rappresentanti da tutti i Paesi che ne fanno parte, oltre che delle principali organizzazioni internazionali che operano nel settore della salute a livello internazionale (Commissione Europea, Who, Fao, Oie, Ocse, Unep, WB, Global Fund).

Sono stati trattati quattro temi di interesse generale e di grande attualità:

  • antimicrobicoresistenza
  • obesità infantile
  • rafforzamento dei sistemi sanitari
  • preparazione alla gestione delle emergenze epidemiche

Su questi argomenti i partecipanti hanno espresso, nella sessione Plenaria, le posizioni dei propri Paesi e proposto le iniziative che i Ministri dei Paesi G20 possono avviare o consolidare, a livello nazionale e nel contesto delle collaborazioni bilaterali e multilaterali, prestando attenzione anche a una prospettiva di genere.

L'Italia è stata rappresentata dal Segretario Generale del ministero della Salute, Giuseppe Ruocco, che dopo aver contribuito alla predisposizione della Dichiarazione, coordinando i contributi di tutte le Direzioni Generali interessate del Ministero, è intervenuto nella Plenaria. 

Nel suo discorso il Segretario Generale ha riaffermato l'importanza che  l'Italia assegna al Sistema sanitario universale ricordando come il nostro SSN celebri proprio quest'anno il 40° anniversario dalla sua istituzione e come il nostro Paese confermi l'importanza di tale organizzazione e sia impegnato a sostenerlo e ammodernarlo costantemente, affinché possa adeguatamente affrontare le nuove sfide che interessano  la salute dei cittadini, sia con interventi di promozione della salute e di prevenzione, che con quelli di cura  e riabilitazione.

Continua a leggere...





Si parla di salute

Carabinieri NAS Perugia: sequestrato un canile per irregolarità

Comunicato n. 1023 - I Militari del Nas di Perugia, nell'ambito di un vasto piano di controlli dedicato al benessere degli animali d'affezione e al contrasto del randagismo, hanno ispezionato un canile - rifugio nella provincia di Terni.
Il controllo, effettuato unitamente al personale veterinario dell'A.U.S.L. Umbria 2, ha portato al sequestro amministrativo sanitario della struttura con immediata chiusura e obbligo di mantenimento degli animali colà custoditi. Il provvedimento è stato adottato sino al ripristino delle ottimali condizioni igienico sanitarie e strutturali, poiché nel corso del controllo gli operatori hanno accertato che i box ricovero degli animali non erano idonei per la mancanza della pavimentazione cementizia e l'assenza della canalizzazione dei reflui, mentre le cucce erano state realizzate con materiali non idonei e le aree di di sgambamento erano assenti o inadeguate in quanto realizzate su nudo terreno.
Il valore della struttura, sviluppata su un'area di circa 10.000 mq ed ospitante 236 cani, ammonta a circa 850.000 Euro.

Vai alle altre notizie dei NAS...





Carabinieri NAS: sequestrati un centro medico abusivo e prodotti farmaceutici per un valore di 300.000 euro

Comunicato n. 1022 - I Carabinieri del NAS di Torino, in collaborazione con il personale della Sezione di P.G. presso la Procura della Repubblica di Verbania, hanno deferito una persona in stato di libertà con l'accusa di aver aperto un centro medico senza la prescritta autorizzazione comunale. Nel corso delle indagini i militari hanno eseguito un decreto di perquisizione domiciliare emesso dall'Autorità Giudiziaria, accertando che l'apertura del centro odontoiatrico di cui è titolare l'indagato non era mai stata autorizzata. La struttura, unitamente a numerosi documenti e valori in assegni per un valore totale di 100.000 euro, è stata sottoposta a sequestro.
Il NAS di Latina, a conclusione di una complessa attività d'indagine effettuata unitamente ai Carabinieri del Nucleo CC Aifa con il supporto del personale dell'agenzia italiana del farmaco (AIFA), ha denunciato il titolare di un'officina farmaceutica sita in provincia di Frosinone. Nel particolare gli investigatori hanno appurato che l'indagato aveva prodotto farmaci destinati al mercato extra comunitario in assenza dell'autorizzazione da parte dell'AIFA nonché in mancanza di un sistema di qualità controllato ed assicurato.
Nell'ambito degli accertamenti sono stati sequestrati 47.941 flaconi di farmaco nonché 68 tonnellate del principio attivo utilizzato quale coadiuvante delle cure oncologiche, per un valore totale di euro 300.000.

Vai alle altre notizie dei NAS...





Carabinieri NAS Parma: controllo ad un'azienda agricola - sequestrati 180 tonnellate di mangimi per animali e 300 capi avicoli

Comunicato n. 1021 - I Carabinieri del NAS di Parma, in collaborazione con i locali Comando Stazione Carabinieri e Carabinieri Forestali di Modena, nell'ambito dei "controlli straordinari nel settore agricolo, agroalimentare, forestale e ambientale", hanno effettuato un'ispezione igienico-sanitaria presso un'azienda agricola della provincia di Modena. Nel corso del controllo sono stati rinvenuti 180 tonnellate circa di ceci per uso zootecnico stoccati in diversi sacchi di varie dimensioni sui terreni dell'azienda agricola, in assenza dei requisiti di legge. L'azienda agricola, infatti, non risultava autorizzata all'allevamento di bestiame, ragion per cui i Carabinieri hanno proceduto al sequestro amministrativo del mangime del valore commerciale di circa 10.000 euro.
Durante l'attività ispettiva sono stati, inoltre, rinvenuti circa 300 capi avicoli (polli) allevati a terra, nonostante il Comune competente avesse già intimato al titolare la sospensione della movimentazione di animali da reddito di qualunque specie. L'allevatore è stato, pertanto, denunciato alla Autorità Giudiziaria per l'inosservanza del provvedimento del Comune e tutti i capi avicoli sono stati sottoposti a vincolo sanitario da parte di personale dell'Azienda sanitaria locale, intervento sul posto su richiesta dei militari operanti.
Il NAS ha elevato una sanzione amministrativa pari ad 3.400 euro all'imprenditore agricolo per non aver fornito al servizio veterinario competente per territorio le informazioni relative all'allevamento.

Vai alle altre notizie dei NAS...





Dal Ministero

Organi collegiali del ministero, rinnovati Comitato nazionale per la sicurezza alimentare e Comitato tecnico sanitario



Il ministro Grillo, appena insediata, ha posto tra le sue priorità la ricostituzione del Comitato Nazionale per la sicurezza alimentare (Cnsa) e del Comitato tecnico sanitario (Cts) del ministero della Salute, scaduti da alcuni mesi, prevedendo la possibilità, del tutto innovativa, per i cittadini in possesso delle necessarie competenze tecniche, di manifestare il proprio interesse a farne parte. Gli esperti di nomina ministeriale sono stati scelti tra più di 300 curricula pervenuti al Ministero.

Il Cnsa è un organo tecnico-consultivo articolato in due sezioni:

  • Sezione per la sicurezza alimentare con compiti di consulenza tecnica-scientifica alle amministrazioni che si occupano di gestione del rischio, in materia di sicurezza alimentare, e formula pareri scientifici
  • Sezione consultiva delle associazioni dei consumatori e dei produttori in materia di sicurezza alimentare che realizza la funzione di confronto tra istituzioni pubbliche e associazioni dei consumatori e dei produttori in materia di sicurezza alimentare

Il Cts è un organismo collegiale, articolato in più sezioni, che fornisce supporto al ministero attraverso l’espressione di pareri tecnici di esperti, in ambiti specifici di competenza dell’Amministrazione (sangue, ricerca, doping, dispositivi medici, pubblicità sanitaria, biotecnologie, lotta all’Aids, terapia del dolore, adeguamento delle strutture sanitarie).

Di seguito i decreti di nomina:

Livelli essenziali di assistenza: 14 le Regioni adempienti nel 2016 in base alla "Griglia LEA"



Nel 2016 risultano adempienti - in base ai 33 indicatori della cosiddetta "Griglia LEA" - la maggior parte delle 16 regioni monitorate, ad esclusione di Calabria e Campaniache si collocano nella classe "inadempiente".
Tali regioni, che sono sottoposte ai Piani di Rientro, dovranno superare le criticità rilevate su alcune aree dell'assistenza tra cui, in particolar modo, quelle degli screening, della prevenzione veterinaria, dell'assistenza agli anziani e ai disabili, dell'assistenza ai malati terminali, dell'appropriatezza nell'assistenza ospedaliera (es. parti cesarei). Per queste regioni, il monitoraggio delle criticità è effettuato nell'ambito degli obiettivi previsti dai rispettivi Programmi Operativi 2016-2018.

Questo in estrema sintesi il risultato illustrato nel documento "Monitoraggio dei LEA attraverso la Griglia LEA - Metodologia e risultati dell'anno 2016", a cura dell'Ufficio VI della Direzione generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute. Si analizza la capacità delle Regioni di garantire ai cittadini l'erogazione dell'assistenza secondo standard di appropriatezza e qualità.

Continua a leggere...

 

Modifica degli Allegati II, III, IV e V del regolamento (CE) n. 396/2005 per alcune sostanze attive



Il 18 e 19 settembre 2018, nel corso della riunione del Comitato Permanente Residui sulle piante, animali, alimenti e mangimi – sezione residui di pesticidi, sono stati votati i seguenti documenti:  

  • SANTE/10893/2018 Rev. 1
  • SANTE/10617/2018 Rev.1
  • SANTE/11715/2017 Rev.2
  • SANTE/10154/2018 Rev.2
  • SANTE/10145/2017 Rev.3
  • SANTE/11836/2017 Rev.1
  • SANTE/10151/2018 Rev.2

E' attualmente in atto la trasposizione di tali documenti nei regolamenti che modificheranno gli allegati indicati del regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento Europeo e del Consiglio per quanto riguarda i limiti massimi di residui (LMR) delle sostanze attive citate nei documenti stessi. I regolamenti verranno pubblicati in tempi brevi in Gazzetta ufficiale della Unione Europea. Si rende pertanto necessario riesaminare gli impieghi attualmente autorizzati in Italia per i prodotti fitosanitari contenenti le sostanze attive oggetto di modifica, per valutarne il rispetto dei nuovi valori di LMR. A tal fine la Direzione Generale per l'Igiene e la  Sicurezza degli Alimenti e la  Nutrizione (D.G.I.S.A.N. - Ufficio 7 – Sicurezza e regolamentazione dei prodotti fitosanitari) ha preventivamente indirizzato alle Imprese ed alle Associazioni di categoria la nota del 05/10/2018, riguardante gli indirizzi operativi per l'adeguamento dei prodotti fitosanitari oggetto di riesame.

Proroga dell'autorizzazione dei prodotti fitosanitari a base della sostanza attiva zoxamide



La Direzione Generale per l'Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione ha emesso un comunicato di proroga delle autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva zoxamide la cui approvazione è stata rinnovata dal regolamento di esecuzione (UE) n. 2018/692.

Consulta il comunicato dell'8 ottobre 2018 Regolamento di esecuzione (UE) n. 2018/692 della Commissione di rinnovo approvazione della sostanza attiva zoxamide in conformità al regolamento (CE)n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari e che modifica l'allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 della Commissione.

Misura compensativa per il riconoscimento dei titoli di Psicologo (sez. A e B) e di Psicoterapeuta conseguiti all'estero - Sessione di Dicembre 2018



Le prove per la misura compensativa per il riconoscimento dei titoli di Psicologo (sezioni A e B) e di Psicoterapeuta conseguiti all'estero si terranno presso la sede di via dei Marsi della Facoltà di Medicina e Psicologia della "Sapienza Università di Roma", secondo il seguente calendario:

Prova scritta: 5 Dicembre 2018

Prova orale: 12 Dicembre 2018

Continua a leggere...

Proroga dell'autorizzazione dei prodotti fitosanitari a base della sostanza attiva forchlorfenuron



La Direzione Generale per l'Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e della Nutrizione ha emesso un comunicato di proroga delle autorizzazioni di prodotti fitosanitari contenenti la sostanza attiva forchlorfenuron, la cui approvazione è stata rinnovata dal regolamento di esecuzione (UE) n. 2018/679.

Consulta il comunicato del 21 settembre 2018 Regolamento di esecuzione (UE) n. 2018/679 della Commissione di rinnovo approvazione della sostanza attiva forchlorfenuron in conformità al regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari e che modifica l'allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 della Commissione.



SaluteInforma+

Newsletter ufficiale del Ministero della Salute

  • A cura di: Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali
    Ufficio II - Relazioni istituzionali, produzione editoriale ed eventi
  • Coordinamento editoriale e direzione: Annunziatella Gasparini
  • Ha collaborato a questo numero: Alessandra Bellini
  • Progetto Editoriale: Annunziatella Gasparini

In collaborazione con la Direzione generale della digitalizzazione, del sistema informativo sanitario e della statistica


Se non vuoi più ricevere questa newsletter cancellati.

Data di pubblicazione: 17 ottobre 2018, ultimo aggiornamento 17 ottobre 2018