Home / Temi e professioni / Animali / Sanità animale / Malattie animali / Principali malattie animali / Aethina tumida

Aethina tumida

immagine del coleottero

Malattia

Aethina tumida Murray, il piccolo coleottero dell’alveare, è un coleottero originario del Sud Africa, esotico per l’Europa, in grado di infestare le famiglie di api e bombi. In particolare Il coleottero può moltiplicarsi raggiungendo numeri molto elevati nelle colonie infestate dove si nutre di covata, miele e polline. Se l’infestazione è molto forte e non controllata, può determinare la distruzione della colonia o all’abbandono dell’arnia. I segni clinici di infestazione da A. tumida sono sostanzialmente legati alla presenza delle larve:

  • presenza di larve nelle celle, sui favi, sulle pareti interne e sul fondo dell’arnia
  • favi deformati o collassati in quanto le larve scavano gallerie negli stessi
  • presenza di miele fermentato fuoriuscito dalle celle che imbratta i favi e gocciola sul fondo dell’arnia

Dati epidemiologici

Aethina tumida Murray è stata rilevata per la prima volta in Calabria nel settembre del 2014. Attualmente risulta confinata nelle provincie di Reggio Calabria e di parte di Vibo Valentia dove è presente in forma endemica. Nel 2014 e nel 2019 sono stati accertati due singoli focolai di infestazione nella Sicilia orientale. Nel rimanente territorio italiano l’infestazione non è presente

Piani di eradicazione e azioni di controllo

Nel 2014, subito dopo il rilevamento di Aethina tumida in Calabria è stato attuato un piano di eradicazione che ha contenuto la diffusione di questo coleottero alle sole province di Reggio Calabria e parte di quella di Vibo Valentia. E’ inoltre in vigore un piano di sorveglianza nazionale attraverso il quale sono stati individuati due nella Sicilia orientale rispettivamente nel 2014 e nel 2019 prontamente estinti

Raccomandazioni

Segnalare al servizio veterinario della ASL territorialmente competente l’eventuale sospetto di presenza dell’infestazione. Non effettuare attività di nomadismo nei territori colpiti dall’infestazione e dove sono in vigore misure restrittive




Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Stampa
  • Invia email

Tag associati a questa pagina


.