Home / Temi e professioni / Animali / Sanità animale / Malattie animali / Principali malattie animali / Paratubercolosi o Johne’s Disease

Paratubercolosi o Johne’s Disease

Malattia

Mycobacterium avium subsp.paratuberculosis (Map) è il micobatterio responsabile della paratubercolosi, malattia infettiva e contagiosa, che colpisce in particolare i ruminanti, domestici e selvatici. Studiata e descritta per la prima volta nel 1895 da Johne e Frothingham, è nota anche come malattia di Johne (Johne's Disease).

Negli ultimi anni questa malattia è stata oggetto di maggiori attenzioni, a causa della sempre maggiore diffusione nell'allevamento bovino, ovicaprino e negli animali selvatici, nonché per il possibile ruolo patogeno di Map per l'uomo.

Questa malattia inoltre è responsabile di ingenti danni economici all’allevamento bovino, in particolare nell’ambito dell’allevamento da latte. L’organizzazione Mondiale per la sanità Animale (OIE) ha inserito la Paratubercolosi nella lista delle malattie denunciabili: qualunque caso sospetto deve essere denunciato all’autorità competente.

Dati epidemiologici nazionali

In Italia sono state condotte indagini sierologiche, basate su test ELISA, in diverse regioni del nord e centro Italia e i risultati hanno mostrato una prevalenza apparente a livello di allevamenti che va dal 42% al 65%.

Piani di eradicazione e azioni di controllo

In Italia dal 2013 è in vigore l’accordo sancito tra Stato, Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano sulla proposta del Ministero della Salute recante le “Linee guida per l’adozione dei piani di controllo e certificazione nei confronti della paratubercolosi bovina”.  

Raccomandazioni

Per gli allevatori

L'introduzione di animali infetti è il più frequente mezzo di ingresso dell'infezione in allevamento. I vari test diagnostici a disposizione non danno la certezza che il soggetto negativo sia sano; per questo motivo è sempre opportuno che le garanzie riguardino l'intero allevamento di provenienza dell'animale, al fine di evitare l’introduzione della malattia in un allevamento indenne.




Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Stampa
  • Invia email


.