Home / Argomenti - Assistenza ospedaliera / Day surgery

Day surgery


immagine di una dottoressa e di una paziente


Il day surgery, o “chirurgia di un giorno”, rappresenta la modalità clinico-organizzativa per effettuare interventi chirurgici o procedure diagnostiche e/o terapeutiche invasive, in regime di ricovero limitato alle sole ore del giorno, in anestesia generale, loco-regionale o locale. Ciò consente un precoce ritorno al proprio ambiente familiare, riducendo al minimo il disagio generato dall’ospedalizzazione.

Nell’ambito delle attività di day surgery, come indicato nell’accordo della Conferenza Stato-Regioni del 1°Agosto 2002 “Linee guida per le attività di day surgery”, il Servizio sanitario nazionale garantisce l’esecuzione programmata di interventi chirurgici o di procedure diagnostiche e/o terapeutiche invasive e semi-invasive che, per complessità di esecuzione, durata, rischi di complicanze e condizioni del paziente, sono eseguibili in sicurezza nell’arco della giornata, senza necessità di una osservazione post-operatoria prolungata e, comunque, senza osservazione notturna. Sono garantite inoltre le prestazioni propedeutiche e successive all’intervento/procedura, oltre che l’assistenza medico-infermieristica e la sorveglianza infermieristica fino alla dimissione.

Per la selezione dei pazienti, in tutti i paesi del mondo viene utilizzato il criterio di classificazione ASA, proposto dalla American Society of Anesthesiology.

Questo tipo di ricovero non può avere carattere d’urgenza ed è destinato a pazienti selezionati che necessitano di interventi/procedure che richiedono l'utilizzo della sala operatoria, come adeno-tonsillectomie, interventi in artroscopia, riparazioni di ernie, varici degli arti inferiori, malattie benigne della regione ano-rettale, interventi urologici, patologie benigne della mammella, piccole amputazioni, alcune biopsie come la biopsia laparoscopica dell’ovaio, la biopsia percutanea della colecisti e dei dotti biliari, ecc.

I ricoveri in day surgery sono gratuiti per gli assistiti italiani e dell’Unione Europea e per gli stranieri iscritti al Servizio sanitario nazionale.

Il percorso clinico-organizzativo in day surgery

Normalmente, un paziente candidato alla day surgery deve fare tre accessi in ospedale:

1° accesso in ospedale – Percorso pre-operatorio

In questa fase il paziente effettuerà gli esami preoperatori prescritti dallo specialista ospedaliero o dal medico di medicina generale.

Oltre agli esami pre-operatori, il paziente effettuerà la visita anestesiologica, sottoscriverà il consenso informato e gli saranno fornite, a voce o per iscritto, le istruzioni necessarie per prepararsi all’intervento. Può essere utile presentarsi con un accompagnatore o un familiare per chiedere tutte le spiegazioni che si ritengono utili e ottenere le rassicurazioni necessarie ad affrontare l’intervento.

La data dell’intervento sarà comunicata immediatamente o telefonicamente alcuni giorni prima dell’appuntamento.

2° accesso in ospedale – Intervento

Il paziente si presenterà a digiuno o nelle condizioni che gli saranno state indicate in precedenza. Sarà ricoverato in una stanza di degenza e attenderà il suo turno per l’intervento.

Solitamente un intervento di day surgery non ha una lunga durata ed è effettuato in mattinata, proprio perché il paziente possa trascorrere in ospedale il tempo necessario per un controllo post-operatorio adeguato. Nel pomeriggio o la sera, verrà disposta la dimissione previo nulla osta dell’anestesista. In questa fase avverrà anche la chiusura della cartella clinica.

Alla dimissione il paziente riceverà i farmaci da prendere al proprio domicilio, le prescrizioni di accertamenti diagnostici o dispositivi eventualmente necessari, una lettera con le informazioni relative all’intervento eseguito e comunque la documentazione sanitaria da consegnare al medico di medicina generale.

Nello stesso giorno verrà fissata anche la visita di controllo.

3° accesso in ospedale – Controllo

In questa fase il medico potrà procedere alla visita di controllo, alla rimozione dei punti e alle medicazioni. Al paziente potrà essere richiesto di compilare un questionario di valutazione del grado di soddisfazione.

Ulteriori accessi potrebbero rendersi necessari su specifica richiesta dei medici.



Data di ultimo aggiornamento 30 gennaio 2019



Condividi

Argomenti - Assistenza ospedaliera


Argomenti

.