Sei in: Home > 3. Provvedimenti > 3b - Laboratori nazionali di riferimento > Pesti Suine - IZS Umbria e Marche

Pesti Suine - IZS Umbria e Marche

FONTE: Laboratori Nazionali di Riferimento (LNR)

Centro di Referenza Nazionale per lo studio delle malattie da Pestivirus e da Asfivirus (CEREP)
IZS Umbria e Marche

Peste Suina Africana, prove inter-laboratorio realizzate nel 2019 dai Laboratori Nazionali di Riferimento
Ring test per la diagnosi di Peste Suina Africana - edizione 2019

Matrici: Siero - organi

Analiti : non applicabile

Luogo e periodo di svolgimento: invio materiale ottobre 2019 - commento inviato dicembre 2019

Numero e tipo di laboratori partecipanti: hanno partecipato 12 laboratori per le prove di identificazione del genoma virale e 13 laboratori per le prove sierologiche. Oltre ai 4 laboratori dell'IZS della Sardegna impegnati nella diagnosi di laboratorio della PSA in applicazione del piano di eradicazione, hanno partecipato al ring test i laboratori degli altri IIZZSS scelti come referenti per la diagnosi di laboratorio della PSA in applicazione del piano di sorveglianza nazionale entrato in vigore a gennaio 2020.

Il Ring Test ha fornito l'occasione per un'indagine relativa alle misure predisposte nei diversi laboratori nazionali per fronteggiare il rischio di circolazione e diffusione del virus PSA: è stato infatti fornito un questionario che i referenti dei laboratori hanno compilato contestualmente all'inserimento dei risultati delle prove.

Follow up: Positivo.

Tutti i laboratori che hanno partecipato al ring test hanno dimostrato di avere disponibili le procedure tecniche adeguate per gestire la diagnosi di laboratorio della PSA in linea con le disposizioni normative predisposte in ambito nazionale ed internazionale. Il forte spirito di collaborazione dimostrato dai partecipanti ha sicuramente contribuito al positivo svolgimento del ring test, che ha rappresentato sia una proficua occasione di esercizio per i laboratori, sia un ottimo strumento di valutazione delle performances.

Per quanto riguarda la diagnosi sierologica, tutti i kit ELISA commerciali impiegati hanno correttamente identificato i campioni. L'unico risultato non conforme è stato considerato come un caso isolato, e il laboratorio interessato ha già provveduto alla revisione delle prove secondo un percorso individuato con il CEREP.

Per quanto riguarda la diagnostica molecolare, sia le procedure commerciali sia i protocolli molecolari indicati nel manuale OIE hanno fornito risultati conformi all'atteso. Questo risultato è particolarmente confortante perché il test di PCR è quello raccomandato per le indagini di sorveglianza e per le misure da impiegare per la early dectection dell'infezione.

Per quanto riguarda le informazioni inerenti il sistema di gestione della biosicurezza implementato dai vari laboratori, raccolte tramite questionario, esse si rivelano estremamente preziose in questa fase. A partire dai primi mesi del 2020, infatti, tutti gli IIZZSS sono chiamati a fare diagnosi di prima istanza per PSA, e le capacità diagnostiche evidenziate da tutti i laboratori, nonché l'implementazione di un adeguato sistema della biosicurezza, risultano condizioni indispensabili per lavorare in maniera efficace ed efficiente.

In conclusione, il sistema diagnostico nazionale ha compiuto nel corso dell'ultimo quinquennio un salto di competenze; inizialmente infatti la diagnosi di PSA era competenza esclusiva del CEREP e i soli laboratori della Sardegna erano autorizzati in deroga ad eseguire la diagnosi virologica e sierologica per evidenti ragioni di biosicurezza legate alla situazione epidemiologica che evidenziava una rilevante circolazione virale nella popolazione domestica e selvatica dell'isola. Successivamente, il rischio di introduzione del virus della PSA nelle regioni indenni è aumentato in relazione all'ondata epidemiologiche che in forma apparentemente inarrestabile si è diffusa dalle regioni del Caucaso a tutta l'Europa dell'Est, in Asia e anche in paesi più vicini all'Italia o comunque connessi attraverso scambi commerciali; in questo contesto, il Ministero della Salute ha predisposto un piano di sorveglianza nazionale che prevede l'implementazione di adeguati sistemi di sorveglianza passiva nei suini domestici e selvatici. Conseguentemente il CEREP ha provveduto ad allestire un programma di informazione e formazione della rete degli IIZZSS al fine di abilitare alla diagnosi di prima istanza anche altri laboratori.

I risultati di questo processo sono assolutamente soddisfacenti e rendono il sistema nazionale di prevenzione e controllo della PSA adeguato al contesto epidemiologico.



Peste suina classica - Ring test BIENNALE per la diagnosi di Peste Suina Classica edizione 2018-19

La situazione epidemiologica legata alla PSC è particolarmente favorevole perché la malattia è stata eradicata da tutti i paesi dell'Unione Europea e, conseguentemente, il rischio che si verifichino

nuovi focolai nel nostro paese è trascurabile grazie anche alle misure di prevenzione primaria che regolano gli scambi commerciali. In questo contesto, visto il risultato favorevole dei circuiti interlaboratorio organizzati dal CEREP da ormai due decenni, è stato deciso di razionalizzare le attività e attribuire a questa valutazione delle performances dei laboratorio della rete degli IIZZSS una cadenza biennale. L'ultima edizione del circuito interlaboratorio per la diagnosi di PSC, tenutasi nel 2018 estende quindi la sua validità anche per il 2019, mentre la prossima edizione avrà luogo nel corso del 2020.

I risultati espressi dalla totalità dei laboratori sono stati di ottimo livello e nessuna differenza è stata possibile riscontrare nei risultati ottenuti dai due diversi kit utilizzati. In particolare, sono stati correttamente individuati anche quei campioni positivi ottenuti mediante diluizione di sieri positivi .

In definitiva, alla luce di quanto sopra riportato, si ritiene che le attività diagnostiche di screening legate al piano di sorveglianza della Peste Suina Classica siano adeguatamente svolte.


Data di pubblicazione: 30 novembre 2020

Tag associati a questa pagina: Malattie degli animali


Condividi:

  • Facebook