Sei in: Home > 1. Attività svolta > Alimenti > Micotossine in alimenti (Liguria)

Micotossine in alimenti (Liguria)

FONTE: Regione Liguria

Capitolo 1. Attività svolta

Per il 2019 sono stati programmati, nel complesso 141 campioni ufficiali per ricerca di micotossine negli alimenti, in ottemperanza alle disposizioni della DGR nr. 508/2016, così ripartiti: 11 campioni per ricerca di aflatossina M1 nel latte e derivati, 5 campioni di ocratossina A in liquirizia, 5 campioni di Patulina in matrice bevande analcoliche a base di frutta (succo di mela), 10 campioni per ricerca di ocratossina A nel caffè torrefatto, 42 campioni ufficiali in cereali e prodotti a base di cereali, 8 campioni per ricerca di micotossine nelle spezie ed erbe aromatiche, 5 campioni di ocratossina A nelle bevande alcoliche (vino), 15 campioni in alimenti per la prima infanzia, e 40 infine negli integratori alimentari (tabella 1).

Tabella 1
Tab1

In addizione alle analisi suddette, programmate e stabilendo i criteri e modalità di attuazione con il PRISA - Piano Regionale Integrato della Sicurezza Alimentare deliberato con DGR N. 161 del 24/05/2019, per l’anno 2019 si è programmata l’attività di controllo supplementare, stabilita con la nota DGSAF nr. 41616 del 02/11/2018, con ulteriori 36 campioni minimi  da effettuare in Regione Liguria, ripartiti fra monitoraggio e sorveglianza per la verifica dei livelli di micotossine,  (aflatossine, ocratossine e deossivalenolo) su alcune tipologie  di matrici alimentari, di cui almeno il 5% di prodotti biologici (figura 1).

Figura 1 - ripartizione campioni minimi
Fig1

Le ricerche

Nel corso dell’anno 2019 sono state eseguite 1489 analisi per ricerca di micotossine negli alimenti, con attività di campionamento così ripartita:

  • ocratossina, zearalenone, fumosine, tossine T2 e HT2, aflatossine in cereali e derivati;
  • aflatossine e ocrtossina in frutta secca e a guscio e spezie – erbe aromatiche;
  • aflatossina, ocratossina deossivalenolo e zearalenone in integratori alimentari a base di materie prime vegetali;
  • ocratossina in caffè torrefatto, liquirizia e vino;
  • aflatossina M1 in latte e derivati;
  • aflatossine, ocratossina, zearalenone, fumosine, tossine T2 e HT2 in alimenti prima infanzia;
  • patulina in puree e confetture di frutta.


Le analisi per la ricerca di aflatossina M1 sono state effettuare presso i laboratori dell’IZS Piemonte Liguria Valle d’Aosta, le rimanenti presso i laboratori ARPAL.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 novembre 2020

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleAlimenti di origine non animaleMangimiSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook