Sei in: Home > 1. Attività svolta > Alimenti > Latte - Piano di controllo nei prodotti lattiero caseari degli alpeggi (Lombardia)

Latte - Piano di controllo nei prodotti lattiero caseari degli alpeggi (Lombardia)

FONTE: Regione Lombardia

Capitolo 1. Attività svolta

Nell’arco alpino regionale al 31 dicembre 2019 risultavano attive 372 strutture di caseificazione in alpeggio, la quasi totalità munita di riconoscimento comunitario. La seguente tabella (tab.1) evidenzia la consistenza degli impianti nel quinquennio considerato.

Tabella 1. Consistenza impianti di caseificazione in alpeggio 2015-2019
tab1

L’attività di controllo ha previsto la verifica del mantenimento dei requisiti igienico sanitari delle strutture e delle attrezzature, delle condizioni di lavorazione e dell’igiene del personale addetto alle lavorazioni.

La tabella seguente (tab.2) riporta la percentuale di impianti controllati e il numero di controlli per impianto; i dati evidenziano la pressione dei controlli ispettivi

Tabella 2. Impianti sottoposti a controllo ispettivo 2015-2019
tab2

In Tabella 3 è riportato il quadro riassuntivo dei campioni effettuati e analizzati nel corso del periodo 2015-2019 suddivisi per matrice e nella Figura 1 è rappresentato il numero di campioni eseguiti nel periodo 2015-2019.

Tabella 3. Numero campioni prelevati suddivisi per matrice
tab3

Figura 1. Campioni eseguiti nel periodo 2015-2019
Fig1

Ogni matrice alimentare è stata sottoposta ad analisi dei parametri relativi a criteri di igiene di processo e a criteri di sicurezza alimentare. I primi caratterizzano l’efficacia del processo di produzione e il superamento dei limiti fissati evidenziano un valore indicativo di contaminazione al di sopra del quale sono necessarie misure correttive. I secondi caratterizzano l’accettabilità di un prodotto o di una partita di prodotti alimentari.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 novembre 2020

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook