Sei in: Home > 1. Attività svolta > Alimenti > Latte - Prodotti lattiero caseari di Malga - Progetto regionale (Friuli V.G.)

Latte - Prodotti lattiero caseari di Malga - Progetto regionale (Friuli V.G.)

FONTE: Regione Friuli Venezia Giulia

Capitolo 1. Attività svolta

(Allegato alla Dec. 2008/654/CE punto 9.1.)

Nel 2011 in FVG è entrato in vigore il Regolamento sulla produzione e vendita diretta di prodotti lattiero-caseari tipici di malga, in attuazione dell’art.8, comma 41, della legge regionale 29 dicembre 2010, n.22 (Legge finanziaria 2011); il 14 marzo 2014 è stata emanata la Delibera regionale n°495, recante modifiche al Regolamento stesso; al fine di uniformare l’applicazione normativa , dal 2018 la Delibera regionale PPL sarà applicata a tutti gli alpeggi. Il progetto sostenuto finanziariamente dalla regione FVG, avrà una durata di tre anni, entro i quali tutte le malghe da latte dovranno raggiungere standard elevati di sicurezza alimentare.

Il Regolamento nasce nel contesto di applicazione di un progetto regionale sulle piccole produzioni locali (PPL) e disciplina i criteri e le modalità per la produzione, lavorazione e vendita diretta, in ambito locale, di piccoli quantitativi di prodotti a base di latte nell’ambito dell’attività dell’alpeggio nel FVG.

Al progetto PPL malghe partecipano: la Regione FVG, con i rispettivi assessorati alla Salute ed alla Agricoltura, le Aziende Sanitarie del territorio interessato all’alpeggio (AAS n° 3 ed AAS n° 5 ), l’IZS delle Venezie, l’Associazione Allevatori del FVG ed una rappresentanza degli operatori, la Cooperativa Malghesi.

A cadenza mensile, da febbraio a giugno, si sono eseguiti esami microbiologici (ricerca stafilococchi coagulasi positivi (limite 500 UFC/ml) su campioni di latte di massa degli allevamenti che inviano le  bovine in alpeggio. Nel 2019 sono stati controllati 94 allevamenti a valle. In alcuni casi, quando  più volte si riscontrano valori >500 ufc, sono stati eseguiti anche i campioni dei singoli animali prima della monticazione; esami di laboratorio sul latte sono stati eseguiti anche a luglio e a fine monticazione in malga Montasio. Per il quinto anno consecutivo sono state applicate modalità di campionamento con analisi mensili del latte di massa per stafilococchi coagulasi positivi; la nuova procedura, rispetto alla precedente che prevedeva controlli individuali sui capi da destinarsi all’alpeggio, consente una migliore valutazione epidemiologica dello stato sanitario degli allevamenti, una riduzione del numero di analisi di laboratorio e dell’impegno del  personale coinvolto. Per i prelievi di latte negli allevamenti sul territorio ci si è avvalsi della collaborazione dell’ Associazione Allevatori regionale e dei Caseifici territoriali.

  • Le malghe, già registrate ai sensi del Regolamento 852, che hanno aderito al progetto PPL, sono 38 nella AAS n° 3 e 5 nella AAS n° 5 per l’anno 2019.
  • Il 15 e 17 aprile si sono tenute due giornate di aggiornamento per i responsabili e gli addetti alle malghe sull’igiene della mungitura e degli impianti e sulla qualità igienico - sanitaria del latte e sulla sicurezza alimentare sulle produzioni lattiero-casearie.
  • Durante l’alpeggio, si sono eseguiti almeno 2 sopralluoghi per ogni malga, sono stati eseguiti esami di laboratorio e microbiologico sul latte, panna, e sui prodotti tradizionali (formaggio di malga, burro, ricotta fresca ed affumicata) e non tradizionali se presenti. Per il latte di massa prodotto in alpeggio è stato preso in considerazione un limite di 1000 UFC/ml di stafilococchi coagulasi positivi, già introdotto nel 2015, ai fini della valutazione di rischio ed indirizzare maggior impegno ed attenzione verso gli alpeggi con condizioni più critiche. Nel 2016 si è introdotto, come controllo di processo, l’analisi della cagliata per la ricerca di stafilococchi coagulasi positivi; nel caso di valori > di 50.000 UFC/g di stafilococchi coagualsi positivi, le partite di prodotti sono state successivamente controllate prima della loro commercializzazione.
  • Programma di controllo acque potabili. A carico della regione Fvg rientrando nel progetto PPL, ai fini di un monitoraggio ambientale, oltre alla analisi in autocontrollo delle acque per i requisiti microbiologici, sono state eseguite in ogni alpeggio, ai fini di una conoscenza idrogeologica territoriale, le campionature per l’analisi chimica.
  • Durante i sopralluoghi è stata eseguita anche attività di formazione utilizzando il “Manuale di monticazione e buone pratiche di lavorazione” redatto nell’ambito del Progetto.
  • Il 5 febbraio 2019, il gruppo di lavoro PPL si è riunito per fare una valutazione e discussione dei risultati dell’attività del progetto PPL malghe del 2018 e valutare le strategie di intervento per l’anno 2019.
  • Diversi incontri per revisione della Delibera Regionale PPL malghe.


Si riportano in allegato le tabelle concernenti il piano di campionamento in alpeggio anno 2019 (tab.n.1) e gli  indicatori di efficienza e stato di avanzamento del progetto - crono programma 2011-2019 (tab. n.2 e tab n. 3).


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 novembre 2020

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook