Sei in: Home > 5. Obiettivi del PNI e conclusioni > 5b - Sottoprodotti > Sottoprodotti di origine animale - Controlli ufficiali

Sottoprodotti di origine animale - Controlli ufficiali

FONTE: Ministero della Salute

Controlli ufficiali sugli stabilimenti riconosciuti ai sensi del Reg (CE) 1069/2009 e controlli relativi alla rimozione di Materiale Specifico a Rischio (MSR)

Capitolo 5b. Analisi Critica e Conclusioni

In generale, si può affermare che il livello di controllo risulta essere adeguato, sia in termini di efficienza, sia in termini di efficacia, per il raggiungimento degli obiettivi di sicurezza dei sottoprodotti di origine animale (SOA) e della conformità degli operatori ai dettami previsti dalla normativa di riferimento. Questo grazie anche all’implementazione di audit di sistema e di settore da parte delle autorità regionali e locali, con verifica dell’attività di programmazione, monitoraggio e rendicontazione dei controlli anche nel settore dei sottoprodotti. Nei Servizi veterinari locali è quindi aumentata la consapevolezza dell’importanza strategica della tematica dei SOA e del fatto che il reg. (CE) 1069/2009 è assolutamente trasversale a tutte le Strutture Complesse Veterinarie. Tale consapevolezza è confortata dall’aumento delle attività integrate, svolte su questa tematica, sia presso gli stabilimenti produttori di SOA (impianti riconosciuti ex reg. (CE) 853/2004), sia presso taluni impianti riconosciuti o registrati ai sensi del reg. (CE) 1069/2009. Si evidenzia, inoltre, un aumento delle capacità valutative e quindi di controllo da parte del personale ASL nei confronti di ambiti prima totalmente sconosciuti alla categoria veterinaria (ad es. il biogas, la combustione e i fertilizzanti). La valutazione dei risultati e delle modalità dei controlli è pertanto abbastanza positiva. Altrettanto, lo è la capacità di documentare le attività di controllo svolte, anche grazie allo sviluppo di applicativi web regionali che ne consentono una facile ed intuitiva registrazione.

Il Ministero della Salute, che ha anche il ruolo di coordinamento per il settore dei sottoprodotti, è in costante e quotidiano contatto con la Commissione Europea, con tutte le Regioni e le associazioni di categoria, al fine di rispondere ad ogni tipologia di problematica e per migliorare l’uniformità di applicazione della normativa e quella dei controlli ufficiali (grazie anche all’interscambio di opinioni e problematiche all’interno del gruppo di lavoro Ministero-Regioni sui sottoprodotti).


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 23 luglio 2019


Condividi:

  • Facebook