Sei in: Home > 5. Obiettivi del PNI e conclusioni > 5b - Importazioni e scambi > Animali vivi, sperma, embrioni e ovuli - Controlli veterinari a seguito di scambi intracomunitari

Animali vivi, sperma, embrioni e ovuli - Controlli veterinari a seguito di scambi intracomunitari

FONTE: Ministero della Salute

Controlli veterinari su animali vivi, sperma, embrioni e ovuli spediti in Italia da altri Paesi dell’UE

Capitolo 5b. Analisi critica e conclusioni

Nel 2018 gli UVAC hanno svolto una fondamentale opera di coordinamento dell’attività di vigilanza e controllo veterinario sulle partite di animali e prodotti di origine animale provenienti dagli altri Stati membri della Unione europea specialmente in relazione al verificarsi di emergenti o ricorrenti situazioni epidemiche. (es. peste suina africana, bluetongue, dermatite nodulare contagiosa, tularemia).

Si evidenzia che in seguito alla situazione epidemiologica della peste suina africana in UE sono raddoppiati i controlli sui suini e prodotti derivati. Tali controlli disposti dagli UVAC tramite le ASL sono stati attuati in piena conformità alle disposizione contenute nelle note (DGSAF 0017220 del 12/07/2018; 0026105 del 19/10/2018) con risultati in tutti i casi favorevoli.

Per quanto riguarda gli aspetti statistici, il numero di partite prenotificato nel 2018, il numero dei controlli fisici e le irregolarità non si discostano significativamente da quelli dell’anno scorso. Fanno eccezione i controlli sui suini per il quali si è registrato, come programmato, un sensibile aumento.

Infine, si è confermata l’utilità di gestire le informazioni relative agli scambi intracomunitari anche con il sistema Nazionale SINTESIS (modulo UVAC), che costituisce, anche alla luce delle novità introdotte con il sistema TRACES, il punto di riferimento principale a livello nazionale per la registrazione e la convenzione degli operatori e per la registrazione delle partite di provenienza intracomunitaria a loro destinate.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 23 luglio 2019


Condividi:

  • Facebook