Sei in: Home > 1. Attività svolta > Sanità animale > Malattia di Aujeszky - Piano regionale di controllo ed eradicazione (Lombardia)

Malattia di Aujeszky - Piano regionale di controllo ed eradicazione (Lombardia)

FONTE: Regione Lombardia

Malattia di Aujeszky - Piano regionale di controllo ed eradicazione (Lombardia)

Capitolo 1. Attività svolta

Il piano di controllo ed eradicazione della malattia di Aujeszky, approvato con DDS n. 2206 del 29 maggio 2017, è stato approvato dalla Commissione con Decisione 2017/2173 del 20 novembre 2017. Con tale Decisone, la regione Lombardia è stata inserita nell’allegato II della Decisone 2008/185/CE come territorio nel quale si applica un piano di controllo ed eradicazione approvato dalla Commissione.

Nel corso del 2018, l’attività di controllo dei DV delle ATS lombarde ha dato attuazione alle misure sanitarie previste dal citato Piano regionale.

Il “Piano di controllo ed eradicazione della malattia di Aujeszky”, approvato con DDS 657 del 4 febbraio 2016, ha posta le basi per richiedere lo stato di l’indennità nei confronti della Malattia di Aujeszky di tutti gli allevamenti suini, al fine di ottenere, ai sensi dell’art. 9 della Direttiva n. 64/432/CEE, il riconoscimento comunitario di territorio che applica un programma di eradicazione nei confronti della Malattia di Aujeszky. Tale riconoscimento è un requisito indispensabile per richiedere l’inserimento della Lombardia nell’allegato I della Decisone n. 2008/185/CE, quale regione indenne dalla malattia di Aujeszky, in cui è vietata la vaccinazione.

In particolare i Dipartimenti Veterinari delle ATS hanno svolto le seguenti attività:

  • controllo sierologico degli allevamenti suini  al fine di mantenere la qualifica di allevamento indenne. Tali controlli vengono svolti sia in allevamento che la macello
  • verifica della corretta attuazione del protocollo vaccinale
  • adozione, in caso di positività, di  misure sanitarie efficaci al fine di eliminare il più rapidamente possibile gli animali positivi, ripristinando la qualifica sanitaria;


Inoltre è stato concordato con le regioni Veneto, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Umbria, con il parere del Centro di Referenza, un protocollo per poter movimentare suini tra e verso queste le Regioni che si trovano in Allegato II, nel rispetto della norma comunitaria di base.

Allevamenti sottoposti a controllo sierologico nel 2018
tab1

tab2

tab3

tab4


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 23 luglio 2019

Tag associati a questa pagina: Malattie degli animaliSuini


Condividi:

  • Facebook