Sei in: Home > 3. Provvedimenti > 3B - Laboratori nazionali di riferimento > Campylobacter - IZS Abruzzo e Molise

Campylobacter - IZS Abruzzo e Molise

FONTE: Laboratori Nazionali di Riferimento (LNR)

Laboratorio Nazionale di Riferimento per Campylobacter
IZS Abruzzo e Molise

Tabella 1

Follow up

Campioni inviati: Ogni laboratorio degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IIZZSS) partecipanti ha ricevuto 15 campioni, di cui 10 campioni positivi contaminati con Campylobacter jejuni, Campylobacter coli e Camplobacter fetus e 5 campioni negativi (E.coli e S.aureus come flora contaminante).

Laboratori partecipanti: IZS della Lombardia e dell’Emilia Romagna con 2 sedi (Bologna, Sondrio); IZS del Mezzogiorno con 3 sedi (Portici, Monteforte Irpino, Salerno); IZS del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta con una sede (Torino); IZS della Sicilia con 2 sedi (Catania, Palermo), IZS dell’Abruzzo e del Molise con 4 sedi (Campobasso, Avezzano, Teramo e Pescara); IZS delle Venezie con 2 sedi (Legnaro Udine, Verona), IZS dell’Umbria e delle Marche con 2 sedi (Fermo, Tolentino).

Risultati: 18/19 laboratori hanno inviato i risultati entro la scadenza del circuito. Un solo laboratorio non ha inviato i risultati. Dei laboratori che hanno inviato i risultati, 18/18 (100%) hanno individuato correttamente tutti i campioni.   

I risultati sono stati presentati e discussi con i laboratori partecipanti nell’ambito di un seminario che si è svolto a Teramo presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale “G. Caporale” nel mese di dicembre 2017.

 

Valutazione

Tutti i laboratori hanno ottenuto un ottimo risultato avendo  individuato correttamente tutti i campioni. Inoltre è stato effettuata una valutazione cumulata dei risultati ottenuti nel tempo dai laboratori che hanno partecipato al circuito. Sono stati considerati i risultati degli ultimi 4-5 anni  (Tabella a) o   1- 3 anni (Tabella b) a seconda della partecipazione dei laboratori ed è stata effettuata  la stima della % minima di risultati corretti, per meglio evidenziare le performance dei laboratori.

Come si evince dalle tabelle a e b sotto riportate, le performance sono complessivamente buone per tutti i laboratori tranne 1 laboratorio (646).

Per il laboratorio 646, analizzando i risultati degli ultimi cinque anni, il circuito “problema” è risultato il terzo, per il quale erano risultati conformi solo 9/15 campioni. La causa individuata era riferibile alla temperatura di trasporto dei campioni. La correzione apportata ha consentito il ripristino di una buona performance del laboratorio. Negli ultimi due ring test 2016 e 2017, il laboratorio 646 ha individuato correttamente 15/15 campioni.

  1. Laboratori che hanno partecipato per 4 o 5 anni
    Tabella 2
  2. Laboratori che hanno partecipato da 1 a 3 anni (15 campioni/anno)
    Tabella 3


Tabella 4

Follow up

Campioni inviati: Ogni laboratorio degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IIZZSS) partecipanti ha ricevuto 12 campioni, 4 campioni positivi contaminati con Campylobacter jejuni, 102 ufc/g, 4 campioni positivi contaminati con Campylobacter coli 105 ufc/g  e 4 campioni negativi (contaminati E.coli ed S.aureus 104ufc/g) .

Laboratori partecipanti: IZS delle Venezie con 3 sedi (Legnaro, Bolzano, Verona); IZS dell’Abruzzo e del Molise con 3 sedi (Campobasso, Pescara, Teramo); IZS della Lombardia e dell’Emilia-Romagna con 16 sedi (Bergamo, Binago, Bologna, Brescia, Cremona, Ferrara, Forlì, Lodi, Mantova, Milano, Modena, Pavia, Piacenza, Reggio Emilia, Sondrio, Lugo ); IZS del Mezzogiorno con una sede (Salerno); IZS del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta con 2 sedi (Torino, Cuneo), IZS della Sicilia con una sede (Catania) IZS della Puglia e della Basilicata una sede (Foggia), IZS dell’Umbria e delle Marche con una sede (Tolentino)

Risultati

Esame qualitativo (presenza/assenza di Campylobacter spp.): Tutti i laboratori hanno esaminati tutti i 12 campioni inviati, tranne il laboratorio numero 923, che ha esaminato 11 campioni, in quanto il contenitore di un liofilo, all’arrivo, è risultato danneggiato. D’accordo con il LNR Campylobacter, si è preferito escludere il campione dalla prova. Dal confronto dei risultati attesi e quelli forniti, risulta che 26/28 laboratori (92,85%) hanno individuato correttamente la Presenza/Assenza di Campylobacter spp. nei campioni in esame. Due laboratori non hanno individuato correttamente un campione.

I risultati sono stati  presentati e discussi con i laboratori partecipanti nell’ambito di un seminario che si è svolto a Teramo  presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale “G. Caporale” nel mese di dicembre 2017.

Valutazione

I risultati della prova qualitativa sono stati buoni, dato che 26 laboratori/28 hanno individuato correttamente tutti i campioni positivi e negativi, solo due laboratori hanno individuato 14/15 campioni.

La valutazione dei dati cumulati, complessivamente soddisfacente, è stata effettuata per i laboratori che hanno partecipato al circuito a partire dagli ultimi 3 anni.

Tabella 5

Esame quantitativo (numerazione di Campylobacter spp.):

Per la numerazione, al fine di valutare la prestazione globale del laboratorio nell'ambito della singola distribuzione, è stato calcolato un indice (SQZ) definito dalla somma dei quadrati dei valori di z-score del singolo laboratorio con i seguenti criteri di valutazione:

  • SQZlab ≤ SQZ (α = 0,0455; n) : soddisfacente
  • SQZ (α = 0,0455; n) < SQZlab < SQZ (α = 0,0027; n): discutibile
  • SQZlab ≥ SQZ (α = 0,0027; n) : insoddisfacente

Mentre per verificare la presenza di errori sistematici nei risultati forniti dai laboratori, è stato calcolato l’indice SRZ basato sulla somma degli z-score con i seguenti criteri di valutazione:

  • |SRZ|≤ 2 : soddisfacente
  • 2<|SRZ|<3:  discutibile
  • |SRZ| ≥ 3 : insoddisfacente

Per il campioni n°1, 2 e 4 , è risultato che 25 laboratori (89,28%) hanno ottenuto un giudizio soddisfacente mentre per 3 laboratori sono stati riscontrati valori “discutibili” di z-score .

Per il campione n° 5, è risultato che 23 laboratori (82,14%) hanno ottenuto risultati soddisfacenti, mentre 3 laboratori hanno avuto risultati “discutibili” e uno solo risultati insoddisfacenti.

Per i campioni n° 7 e 8 sono stati riscontrati valori “discutibili” di z-score per 3 laboratori, e insoddisfacenti per un laboratorio, mentre 24 laboratori (85,71%) hanno ottenuto giudizio soddisfacente.

Per il campione n°10, 3 laboratori hanno ottenuto risultati “discutibili “ e 25 risultati soddisfacenti (89,28%).

Per il campione n°11 è risultato che 21 laboratori (75%)hanno ottenuto risultati soddisfacenti , mentre 6 laboratori hanno avuto risultati “discutibili” e uno solo risultati insoddisfacenti.


Dalla valutazione delle prestazioni complessive (SQZ)  sono emersi 2 laboratori con prestazioni insoddisfacenti (659 e 923). Tutti gli altri laboratori hanno ottenuto risultati soddisfacenti.

La valutazione degli errori sistematici (RSZ) ha evidenziato 2 laboratori con prestazioni insoddisfacenti (714 e 923), entrambi per sottostima. Tre laboratori hanno avuto prestazioni discutibili (per sottostima) (vedi figure).

Di seguito si riportano i grafici riepilogativi di valutazione delle prestazioni complessive dei laboratori (a) e degli errori sistematici (b).

  1. Valutazione delle prestazioni complessive dei laboratori (SQZ)
    Grafico 1
  2. Valutazione degli errori sistematici dei laboratori (RSZ)
    Grafico 2

I risultati e la relativa valutazione sono stati  presentati e discussi con i laboratori partecipanti nell’ambito di un seminario che si è svolto a Teramo  presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale “G. Caporale” nel mese di dicembre 2017.


Data di pubblicazione: 30 giugno 2018

Tag associati a questa pagina: Sicurezza alimentareZoonosi


Condividi:

  • Facebook