Sei in: Home > 3. Provvedimenti > 3B - Laboratori nazionali di riferimento > Molluschi Bivalvi - Contaminazioni virali - ISS

Molluschi Bivalvi - Contaminazioni virali - ISS

FONTE: Laboratori Nazionali di Riferimento (LNR)

LNR per il controllo delle Contaminazioni Virali dei Molluschi Bivalvi
Istituto Superiore di Sanità

RT06 – Ring Test per Norovirus ed Epatite A nei molluschi – 2017
Tabella 1

Valutazione dell'attività svolta e dei risultati ottenuti:

Le prove interlaboratorio organizzate dall’LNR per il 2017 hanno visto la partecipazione di 12 sezioni di Istituti Zooprofilattici Sperimentali (un partecipante in meno rispetto a quanto registrato nel 2016).  Tale flessione è riconducibile alla partecipazione di un laboratorio alle prove interlaboratorio organizzate dall’EURL, in alternativa a quelle organizzate dal LNR.  Per tale laboratorio si è provveduto ad acquisire gli esiti della partecipazione alle distribuzioni organizzate dall’EURL, al fine di attestare il mantenimento degli standard di assicurazione della qualità analitica in tutto il territorio nazionale.

Gli esiti analitici della distribuzione RT-06 effettuata nel 2017 hanno evidenziato una accuratezza complessiva dei laboratori del 100% per l’analita HAV (esiti corretti per tutti i campioni distribuiti in tutti i laboratori partecipanti), confermando, per tale analita, i risultati ottenuti nel triennio precedente. Per quanto concerne le determinazioni relative al parametro Norovirus, l’accuratezza complessiva dei laboratori è stata del 98.5% sia per NoVGI che per NoVGII, in miglioramento rispetto al 2016. Nel dettaglio, le determinazioni del parametro Norovirus sono state eseguite da 11 laboratori; di essi, 10 hanno ottenuto un esito conforme (100% di determinazioni corrette) e solo uno ha ottenuto un esito discutibile (presenza di un risultato falsamente negativo).

Complessivamente non sono state evidenziate criticità di sistema per quanto concerne l’esecuzione nei laboratori di controllo ufficiale delle metodiche armonizzate per la determinazione delle contaminazioni virali (ISO/TS 15216-2:2013), per la cui applicazione il LNR ha rinnovato il proprio impegno per la produzione e la fornitura a tutti i laboratori italiani operanti nel controllo ufficiale dei materiali di riferimento richiesti dal metodo, nella persistente assenza di fornitori commerciali.

In aggiunta alle determinazioni previste in accordo con il metodo ISO/TS 15216-2:2013 (ricerca di HAV, NoVGI e NoVGII), i campioni forniti nell’ambito della distribuzione RT-06 del 2017 sono stati utilizzati per verificare l’applicazione nei laboratori delle modifiche che saranno introdotte in occasione della revisione del metodo, la cui pubblicazione è prevista per la fine del 2018 o per i primi mesi del 2019. Tali attività aggiuntive sono state condotte al fine di consentire ai laboratori partecipanti all’RT-06 una più agevole e rapida adozione della norma revisionata.

In conformità con il programma di lavoro stipulato dal LNR in accordo con i laboratori di controllo ufficiale, è stata avviata l’implementazione nei laboratori della determinazione quantitativa dei target analitici HAV, NoVGI e NoVGII, supportata mediante la distribuzione degli opportuni materiali di riferimento (materiali per la costruzione delle curve standard) e mediante consulenze tecniche sulle modalità di esecuzione dei calcoli richiesti.  Complessivamente, la distribuzione RT-06 del 2017 ha verificato l’efficacia del processo di progressiva introduzione della metodica di determinazione quantitativa, in prospettiva della messa a sistema e/o dell’accreditamento, per i laboratori interessati, del metodo ISO 15216-1:2017.  Tale attività di implementazione della metodica quantitativa proseguirà nel corso del 2018-2019 al fine di predisporre il network dei laboratori di controllo ufficiale all’eventuale introduzione di criteri microbiologici quantitativi per i virus.

Come ulteriore attività di miglioramento del sistema, è stata avviata da parte del LNR la produzione, qualifica e distribuzione di materiali di riferimento per la determinazione del virus dell’epatite E (HEV), nonché la distribuzione ai laboratori richiedenti di opportuni protocolli per la preparazione delle matrici alimentari (molluschi, vegetali, matrici a base di carne) e per l’esecuzione della ricerca di HEV mediante real-time RT-PCR.


Data di pubblicazione: 30 giugno 2018

Tag associati a questa pagina: Pesci, molluschi e crostaceiSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook