Sei in: Home > 2. Risultati > Alimenti > Additivi alimentari - Piano nazionale

Additivi alimentari - Piano nazionale

FONTE: Ministero della Salute

Additivi alimentari - Piano nazionale

Capitolo 2. Risultati

Nel terzo anno di attività tutte le categorie alimentari previste dal Piano nazionale sono state campionate, la “categoria 08 - Carni” risulta essere ancora quella maggiormente campionata.

Sono stati analizzati complessivamente 3.627 campioni, tra prodotti alimentari ed AA tal quali, per un totale di 12.416 determinazioni analitiche.

La percentuale di analisi sugli AA nei prodotti alimentari, suddivise per categorie funzionali, risultano essere:

  • il 52% sui conservanti (di cui il 28% solfiti; il 28% nitriti, nitrati e 44% acido sorbico/benzoico e benzoati);
  • 29% sui coloranti;
  • 5 % sui coloranti non autorizzati;
  • 2% su agenti umidificanti;
  • 4% su antiossidanti;
  • 4% su edulcoranti.
  • 4% altre categorie funzionali

Grafico 1:
Grafico 1

La categoria alimentare maggiormente analizzata risulta costituita dai prodotti carnei, seguita dalle bevande, dai prodotti della pesca, dai prodotti di confetteria e ortofrutticoli; la categoria meno rappresentata risulta essere quella dei gelati.

Grafico 2:
Grafico 2

Requisiti di purezza degli AA

Nel 2017 sono stati analizzati 169 campioni per la verifica dei requisiti di purezza degli AA come matrice alimentare (ricerca di metalli pesanti in conformità al regolamento (UE) n. 231/2012). Gli AA maggiormente campionati, come indicato sul Piano Nazionale, sono stati: l’acido citrico, l’acido ascorbico, la pectina, il glicerolo, la gomma arabica, la curcumina, il sorbitolo ed altri AA non indicati nel Piano stesso (acido sorbico, nitrati, farine di carrube, solfiti, lecitina, agar, mannitolo, glutammato, carbonato, tocoferolo, acido tartarico).

Non conformità

Su 3.458 campioni di AA in prodotti alimentari sono state riscontrate 51 NC corrispondenti all’1.5% dei campioni analizzati.

Le 51 NC per AA risultano così ripartite:

  • 23 per anidride solforosa (18 campioni cat.09; 5 campioni cat.08) corrispondente al 45 % delle NC;
  • 14 per nitrati (12 campioni cat.08; 1 campione cat.09; 1 campione cat.14) corrispondente al 27% delle NC;
  • 1 per nitriti (1 campione cat.08);
  • 4 per acido ascorbico (4 campioni cat.08);
  • 2 per acido citrico (1 campione cat.14.1; 1 campione cat.08);
  • 2 per acido sorbico (2 campioni cat.13);
  • 3 per rosso ponceau (2 campioni cat.08; 1 campione cat.05);
  • 1 per curcumina (1 campione cat.01);
  • 1 per saccarina (1 campione cat.04).

Grafico 3:
Grafico 3

Le NC per categoria alimentare sono così distribuite:

  • 49% in Carni –cat.08 (27% riscontrato in preparazioni di carni-08.2; 14% in prodotti carnei che non hanno subito trattamento termico-08.3.1 e 8% in prodotti carnei che hanno subito trattamento termico-08.3.2);
  • 37% in Pesce e prodotti della pesca – cat.09 (4% in pesce non trasformato-09.1.1; 29% in molluschi e crostacei non trasformati-09.1.2 e 4% in pesce e prodotti della pesca trasformati-09.2);
  • 4% in Bevande – cat.14 (2% riscontrato in succhi di frutta/ortaggi-14.1.2; 2% in bevande aromatizzate-14.1.4);
  • 2% in Ortofrutticoli – cat.04 (2% in ortofrutticoli sott’aceto, sottolio e salamoia- 04.2.2);
  • 2% in Prodotti lattieri e analoghi- cat.01 (2% in formaggio stagionato - 01.7.2);
  • 2% in Prodotti di confetteria- cat.05 (2% in prodotti di confetteria compresi microconfetti-05.2);
  • 4% in Alimenti destinati ad un'alimentazione particolarecat.13 (4% in alimenti per intolleranti al glutine-13.4).

Il 43% delle NC è riconducibile al superamento del limite legale d’utilizzo dell’AA in prodotti carnei (nitrati) e prodotti ittici (solfiti), il 43% è dovuto all’uso illegale di AA in carni fresche (solfiti, nitrati, coloranti) e prodotti ittici (solfiti, nitrati) ed infine il 10% è relativo alla mancata dichiarazione in etichetta di AA “quantum satis” in prodotti carnei.

Relativamente ai requisiti di purezza degli AA non sono stati riscontrati campioni non conformi.

Analisi dei dati

L’analisi dei dati dal 2015 al 2017 ha evidenziato che:

  1. le richieste del Piano Nazionale per il controllo degli AA nei prodotti alimentari  nel corso dei tre anni di attuazione sono state pienamente soddisfatte, mentre il controllo dei requisiti di purezza sugli AA ha visto un incremento dei campioni richiesti dal 57%  nel 2016, primo anno di attuazione, al 75% nel 2017 pur non raggiungendo ancora la completa attuazione; 
  2. gli AA compresi nella categoria funzionale dei conservanti rappresentano le sostanze maggiormente ricercate, elemento positivo alla luce della loro importanza tecnologica nel preservare la salubrità dell’alimento;
  3. nei prodotti alimentari della categoria alimentare “08-Carni” ed in particolare della sottocategoria 08.2 ”Preparazioni di carni” sono state riscontrate tutte e tre le tipologie di infrazioni (superamento limite legale -nitrati, utilizzo non consentito di AA – solfiti, e mancata dichiarazione in etichetta-antiossidanti);
  4. negli alimenti appartenenti alla categoria alimentare “09 - Pesce e prodotti della pesca” la tipologia di NC maggiormente riscontrata risulta essere il superamento di limite legale (solfiti). I solfiti, importanti dal punto di vista sanitario sia per la loro tossicità che come allergeni, sono gli AA maggiormente ricercati sia nei prodotti nei quali ne è consentito l’uso che in quelli nei quali l’uso fraudolento potrebbe comportare problematiche di rilevanza sanitaria (es. uso illegale nei prodotti carnei);
  5. la percentuale delle determinazioni analitiche sui coloranti è aumentata rispetto ai due anni precedenti: 11% nel 2015, 21% nel 2016 e 29% nel 2017; il numero delle analisi volte ad individuare l’uso di coloranti non autorizzati nell’ultimo anno è raddoppiato rispetto al 2016, anche se l’impiego di metodi multianalita nei laboratori ufficiali potrebbe condurre ad una difficile comprensione della richiesta di campionamento;
  6. il numero di analisi per la ricerca di edulcoranti in alimenti e bevande è rimasto costante.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2018


Condividi:

  • Facebook