Sei in: Home > 2. Risultati > Alimenti > Qualità regolamentata - Controlli ufficiali sulle produzioni di qualità

Qualità regolamentata - Controlli ufficiali sulle produzioni di qualità

FONTE: Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali

 

Qualità regolamentata - Controlli ufficiali sulle produzioni di qualità

Capitolo 2. Risultati

Risultati dell’attività di controllo sui prodotti da agricoltura biologica

L’attività di controllo svolta nel 2017 dall’ICQRF sui prodotti ha prodotto 19 notizie di reato, 100 contestazioni amministrative, 72 provvedimenti di diffida, 20 sequestri di prodotti, per un valore complessivo superiore a un milione di euro.

In tabella 11 è riportata la ripartizione dei risultati dell’attività di controllo per settore merceologico.

Tabella 11. Risultati dei controlli ICQRF sui prodotti da agricoltura biologica per settore merceologico
Tabella 11
*Altri settori comprende: aceti di frutta e di vino, bevande analcoliche, spezie, birre, prodotti ittici, prodotti dietetici, prodotti dolciari, integratori alimentari

Per una maggiore descrizione dei risultati, si riportano, di seguito, le principali tipologie di violazione riscontrate dall’ICQRF nei prodotti da agricoltura biologica nel 2017:

  • produzione e commercializzazione di cereali biologici in violazione delle norme tecniche di produzione
  • vino a IGT e olio di oliva dichiarati da agricoltura biologica con presenza di residui di prodotti fitosanitari rilevata all’analisi;
  • prodotti ortofrutticoli biologici, in particolare ceci, patate e arance, oltre a farine di orzo e specialità di farro contenenti residui di principi attivi non consentiti.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Risultati dell’attività di controllo sui prodotti DOP, IGP e STG

L’attività di controllo svolta nel 2017 dall’ICQRF sui prodotti a DOP, IGP e STG ha prodotto 226 notizie di reato, 481 contestazioni amministrative, 381 provvedimenti di diffida, 394 sequestri di prodotti, per un valore complessivo di circa 71 milioni di euro.

In tabella 12 è riportata la ripartizione dei risultati dell’attività di controllo per settore merceologico.

Tabella 12. Risultati dei controlli ICQRF sui prodotti da DOP, IGP e STG per settore merceologico
Tabella 12

Tra i risultati conseguiti nell’ambito delle denominazioni di origine, merita una menzione particolare l’attività di contrasto alle frodi nei prosciutti a Denominazione di Origine Protetta, una delle più rilevanti mai svolte in Italia nell’agroalimentare, dettagliatamente descritta nelle attività ad hoc.

Si riportano, inoltre, le principali tipologie di violazione riscontrate dall’ICQRF nei prodotti DOP, IGP e STG nel 2017:

  • impiego di suini non conformi al disciplinare di produzione di prosciutti a DOP;
  • mozzarella di Bufala Campana DOP ottenute con aggiunta di latte vaccino;
  • formaggi DOP contenenti, conservanti non consentiti o non dichiarati;
  • conserve vegetali indebitamente etichettate come prodotti a indicazione geografica;
  • usurpazione o evocazione delle denominazioni di origine o indicazioni geografiche riconosciute di prodotti ortofrutticoli, oltre che di oli di oliva, aceti, prodotti dolciari e derivati dei cereali;
  • non conformità gravi nel piano di controllo dei formaggi a DOP.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Risultati dell’attività di controllo sui vini DOCG, DOC, IGT

L’attività di controllo svolta nel 2017 dall’ICQRF sui vini DOCG, DOC, IGT ha prodotto 41 notizie di reato, 1.010 contestazioni amministrative, 480 provvedimenti di diffida, 82 sequestri di prodotti, per un valore complessivo di 5,7 milioni di euro.

Le principali tipologie di violazione riscontrate dall’ICQRF nei vini DOCG, DOC, IGT nel 2017 sono state:

  • commercializzazione fraudolenta di vini a DOP e a IGP non conformi ai requisiti stabiliti dai rispettivi disciplinari di produzione;
  • sofisticazione di vini a IGP, per annacquamento;
  • sofisticazione di vini a DOP per zuccheraggio;
  • vino a IGT dichiarato da agricoltura biologica con presenza di residui di prodotti fitosanitari rilevata all’analisi;
  • violazioni delle disposizioni in materia di designazione e presentazione e/o nel sistema di chiusura di vini a denominazione d’origine.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2018


Condividi:

  • Facebook