Sei in: Home > 5. Obiettivi del PNI e conclusioni > 5b - Benessere animale > Benessere degli animali durante la macellazione

Benessere degli animali durante la macellazione

FONTE: Ministero della Salute

Benessere durante la macellazione - Controlli svolti

Capitolo 5b. Analisi Critica e Conclusioni

I servizi veterinari hanno effettuato un controllo sistematico degli impianti di macellazione utilizzando l’apposita chek list fornita dal Ministero della Salute.

Le Autorità Sanitarie Regionali e Provinciali devono effettuare un’attenta valutazione dell’efficacia dei controlli ufficiali effettuata negli impianti di macellazione attraverso la programmazione delle attività di audit o supervisioni con particolare riferimento alla valutazione del rischio.

Le informazioni pervenute delle Autorità Sanitarie regionali e provinciali hanno indubbiamente evidenziato in modo particolare che negli impianti di macellazione degli ungulati, gli operatori del settore alimentare (OSA) con l’ausilio del “responsabile della tutela del benessere animale” hanno acquisito oltre che una sufficiente sensibilità in tema di protezione degli animali durante la macellazione, anche una maggiore consapevolezza che la corretta gestione delle operazioni di macellazione attraverso l’elaborazione di specifiche procedure operative oltre a facilitare l’esecuzione delle stesse, apporta un valore aggiunto che riflette sulla qualità delle carni.

Gli animali condotti verso i locali di macellazione senza subire eventi stressanti legati al trasporto, alla fase dello scarico o di attesa nei locali di stabulazione così come anche la loro corretta conduzione verso i locali di stordimento/abbattimento, ha sicuramente un’incidenza positiva sulle caratteristiche organolettiche delle carni.

L’Autorità Centrale, in seguito all’attività di audit presso le i servizi veterinari delle Autorità regionali e provinciali ha riscontrato che i veterinari ufficiali degli impianti di macellazione non avevano una formazione specifica sulla normativa relativa al Regolamento CE 1099/2009.

Pertanto, al fine di valutare le procedure operative standard degli operatori del settore alimentare (OSA), sono state invitate le suddette Autorità a provvedere a promuovere appositi corsi di formazione.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2016


Condividi:

  • Facebook