Sei in: Home > 3. Provvedimenti > 3b - Mangimi > Mangimi - Piano nazionale di controllo ufficiale sull'alimentazione degli animali (PNAA)

Mangimi - Piano nazionale di controllo ufficiale sull'alimentazione degli animali (PNAA)

FONTE: Ministero della Salute

Piano nazionale di controllo ufficiale sull'alimentazione degli animali (PNAA)

Capitolo 3b. Interventi per il miglioramento del sistema dei controlli

Nel corso dell’anno 2015, benché al suo primo anno di applicazione, il PNAA 2015 – 2017 e stato aggiornato dall’Addendum 1/2015 pubblicato l’11 dicembre 2015 con la nota prot. 30775-P. Tale aggiornamento si è reso necessario al fine di adeguare il piano di controllo ufficiale a nuove esigenze scaturite da varie problematiche rilevate nel primo periodo di attuazione.

In particolare sono state aggiornate le seguenti parti.

  • L’elenco della normativa di settore e delle note ministeriali di orientamento relative al Carry-Over;
  • Il Capitolo 1 “Piano di Controllo ai fini della profilassi della BSE”, in relazione agli ulteriori siti matrici su cui effettuare il campionamento dei mangimi per animali d’acquacoltura;
  • Il Capitolo 2: “Piano di controllo ufficiale dei principi farmacologicamente attivi e degli additivi”, in relazione ai livelli di azione analitica delle metodiche ufficiali in uso presso gli II.ZZ.SS. per la verifica del carry over;
  • Il Capitolo 4: “Piano di Controllo della contaminazione da Micotossine”, al fine di chiarire che la ricerca delle tossine T2 e HT2 deve essere eseguita sui campioni di avena e grano in aggiunta alla ricerca contestuale delle altre micotossine;
  • Il Capitolo 6: “Piano di Controllo della contaminazione microbica da Salmonella spp.”, al fine di inserire gli alimenti costituiti da prodotti greggi refrigerati o congelati (dieta BARF) tra quelli oggetto di campionamento.

Inoltre, di conseguenza, sono state apportate le opportune modifiche ai verbali di prelievo Allegato 1 e al VOPE Allegato 1b.

Per quanto attiene l’attività di formazione il Ministero della Salute è stato coinvolto, partecipando con propri funzionari in qualità di docenti, in vari corsi di formazione.

In particolare:

  • Corso di formazione itinerante riservato ai Dirigenti Veterinari, Tecnici della Prevenzione delle AA.SS.LL, uffici periferici del Ministero della Salute e Operatori del Settore dei Mangimi “Gestione del carry over da coccidiostatici e farmaci nel settore mangimistico: procedure basate sui principi HACCP e relativi controlli ufficiali”, organizzato dal CReAA e Ministero della Salute. Evento che ha contato nel solo anno 2015 di ben 4 edizioni.
  • Corso di formazione riservato ai Dirigenti Veterinari, Tecnici della Prevenzione delle AA.SS.LL: “La sicurezza dei mangimi: procedure di autocontrollo, individuazione di punti critici ed etichettatura”, organizzato dalla ASL di Ragusa;
  • Corso di formazione riservato ai Dirigenti Veterinari, Tecnici della Prevenzione delle AA.SS.LL: “Igiene dei mangimi” organizzato dalla regione Lazio;
  • Corso di formazione riservato ai Dirigenti Veterinari e funzionari regionali: “Analisi del rischio di alimenti e mangimi geneticamente modificati” organizzato dal CROGM.
  • Corso di formazione itinerante riservato ai Dirigenti Veterinari, Tecnici della Prevenzione delle AA.SS.LL e  Operatori del Settore dei Mangimi “Linee guida per la stesura dei manuali di autocontrollo nel comparto dell’erba medica e dei foraggi”, organizzato dalla ASL di Modena.

Per quanto riguarda i controlli all'importazione, nel nuovo “Piano Nazionale Alimentazione Animale 2015-2017” sono state inserite, con l’Addendum 1/2015,  nuove indicazioni operative in materia di controlli all’importazione sui mangimi, con particolare riferimento ai controlli rafforzati sui mangimi non di origine animale, alle importazioni di additivi per mangimi conformi e non conformi alla normativa U.E. e delle premiscele e mangimi che li contengono, e ai controlli analitici per la ricerca di costituenti di origine animale non autorizzati nelle proteine animali trasformate e prodotti sanguigni derivati da non ruminanti destinati all’alimentazione di animali d’allevamento non ruminanti, diversi dagli animali da pelliccia.

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2016


Condividi:

  • Facebook