Sei in: Home > 2. Risultati > Importazioni e scambi > Alimenti di origine animale - Controlli veterinari a seguito di scambi intracomunitari

Alimenti di origine animale - Controlli veterinari a seguito di scambi intracomunitari

FONTE: Ministero della Salute

Scambi intracomunitari prodotti di origine animale - Controlli veterinari

Capitolo 2. Risultati

Nella tabella 4 sono riportati, per tipologia di merce, i respingimenti effettuati nel corso del 2015. Si deve segnalare che sotto il termine respingimento sono comprese sia le rispedizioni al Paese speditore e sia le distruzioni o abbattimenti (nel caso di animali vivi) o l’utilizzazione per altri fini.

Nella colonna “partite regolarizzate” sono indicate le partite per le quali si è arrivati alla regolarizzazione dei certificati o documenti commerciali senza dover procedere al respingimento o alla distruzione delle partite stesse. Le regolarizzazioni effettuate durante il 2015 hanno riguardato 7 partite, un numero inferiore a quello relativo all’anno precedente (19 partite).

Complessivamente le partite oggetto di respingimento sono state 81 che, su un totale di  8.606 partite controllate, rappresentano una percentuale di respingimento pari allo 0,94%, inferiore  a quella riscontrata nel 2014 (1,09%).

I respingimenti hanno riguardato in particolare i pesci (57 partite), i molluschi (8 partite) e le carni di pollame (7 partite). Tali respingimenti sono scaturiti principalmente da irregolarità di laboratorio (69), e in minor misura da ispezioni veterinarie sfavorevoli (11) e in un caso da non conformità documentali.

Le partite non conformi sono state principalmente distrutte (47) o rispedite (30) e in minima parte trasformate (4).

A seguito di ogni respingimento per irregolarità di laboratorio, le successive 5 partite di merci della stessa tipologia e provenienza hanno poi subito un controllo sistematico.

I respingimenti conseguenti ad irregolarità riscontrate per esami di laboratorio sfavorevoli sui prodotti di origine animale sono in totale 72, di cui 69 riguardano prodotti di origine animale destinati al consumo umano. Essi hanno riguardato in massima parte i prodotti della pesca.

Taaa

Una parte rilevante dei riscontri sfavorevoli è stata causata dalla presenza di mercurio (25) nei prodotti della pesca e listeria monocytogenes (24) sempre nei prodotti della pesca e Salmonella spp. (4) nelle carni di pollame.

Le partite sottoposte a rispedizione, considerate in relazione ai Paesi di origine delle merci, sono riportate nella tabella 3. La percentuale di respingimento, considerata in relazione alle partite sottoposte al controllo, varia tra lo 0 ed il 4,98%. Delle 90 partite di merci respinte ( incluse  9 partite di animali vivi e prodotti non destinati al consumo umano) 31 provengono dalla Spagna e 25 dalla Polonia.


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2016

Tag associati a questa pagina: Pesci, molluschi e crostacei


Condividi:

  • Facebook