Sei in: Home > 2. Risultati > Importazioni e scambi > Depositi doganali (Direttiva 97/78/CE, artt. 12 e 13)

Depositi doganali (Direttiva 97/78/CE, artt. 12 e 13)

FONTE: Ministero della Salute

Depositi autorizzati ai sensi degli articoli 12 e 13 della Direttiva 97/78/CE - Controlli svoltidal personale dei PIF

Capitolo 2. Risultati

Nell’anno 2015, a seguito dei controlli veterinari espletati dal personale dei PIF presso i depositi autorizzati (articoli 12 e 13 della Direttiva 97/78/CE) sulle partite in provenienza da Paesi terzi non destinate al mercato comunitario, sono state riscontrate alcune non conformità documentali e materiali (vedi tabella C) che hanno determinato l’invio alla distruzione delle merci in questione.

Le suddette non conformità hanno interessato alcune partite di prodotti di origine animale introdotte e immagazzinate in 2 depositi doganali autorizzati e, in particolare, hanno riguardato: irregolarità nella documentazione che accompagnava le partite introdotte nei depositi doganali, interruzione della catena del freddo, superamento della data di scadenza e danneggiamento di alcune confezioni.

In altri casi, che hanno interessato talune partite immagazzinate presso 3 depositi doganali, le non conformità hanno riguardato problematiche procedurali o documentali tali da consentire la regolarizzazione documentale o l’esecuzione di analisi di laboratorio.

Rispetto al 2014, il quantitativo di merce risultata non conforme ai previsti controlli veterinari e destinata alla distruzione è aumentato, anche in relazione all’incremento dei volumi di merce movimentata all’interno dei depositi doganali autorizzati ai sensi degli articoli 12 e 13 della Direttiva 97/78/CE.

La tipologia delle non conformità riscontrate nel corso delle attività di controllo  degli ultimi 3 anni  (2012-2015) è rimasta invariata per quanto concerne le irregolarità documentali/materiali, tuttavia, nel 2015 sono state evidenziate non conformità procedurali che hanno interessato, in alcuni casi, il PIF di ingresso della partita (es. errori nella compilazione del DVCE emesso dal PIF di entrata delle partite nell’UE) e, in altri casi, il PIF di uscita/nave di destinazione della merce (es. mancata conferma attraverso il sistema TRACES dell’uscita della partita dall’UE, mancato invio al deposito doganale del certificato allegato alla Decisione 2000/571/CE controfirmato dal rappresentante ufficiale del capitano della nave).

Tabella C - Non conformità

Tabella c


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 30 giugno 2016


Condividi:

  • Facebook