Ministero della Salute

Relazione annuale al PNI 2014

Data di pubblicazione: 25 giugno 2015

Prodotti fitosanitari - Controllo ufficiale sull'immissione in commercio e sull'utilizzazione

FONTE: Ministero della Salute

Andamento globale

Controllo ufficiale sull'immissione in commercio e sull'utilizzazione dei prodotti fitosanitari

MACROAREA Sanità delle piante

 

1. Attività svolta

In generale

Nella Tabella 1.1 si riportano i risultati globali dei controlli e delle infrazioni, trasmessi alla Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione in formato cartaceo da parte delle Regioni/Province, del Comando Carabinieri per la tutela della Salute e dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressioni frodi dei prodotti agroalimentari, relativi all’attività svolta nel corso dell’anno 2014 in materia di immissione in commercio e utilizzazione dei prodotti fitosanitari.

La tabella evidenzia che complessivamente sono stati effettuati da tutti gli enti 27.431 controlli così ripartiti  :

  1. Le Regioni/Province hanno effettuato 23.865 controlli di cui:
  2. Il Comando Carabinieri per la tutela della Salute ha effettuato 1.966 controlli di cui:
  3. l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressioni frodi dei prodotti agroalimentari ha effettuato 1.600 controlli.

In totale da tutte le autorità sono state fatte:

*L’ispettorato, oltre a quelli qui riportati, ha anche effettuato le analisi dei campioni prelevati dal Comando Carabinieri per la tutela della salute e dalla regione Sicilia.

Il grafico sotto riportato evidenzia la percentuale dei controlli tra le diverse Autorità. Il maggior numero di controlli in valore assoluto e percentuale è stato effettuato dalle Regioni/Province.

Grafico1

Andamento globale nel tempo dei controlli

Come si può vedere dal grafico successivo, i controlli totali hanno subito un incremento nel tempo.

Grafico2

 


Regioni

In generale

Tutte le Regioni hanno trasmesso i risultati dei controlli.

I controlli delle Regioni/Province Autonome hanno riguardato le rivendite, i formulati (sia nei termini di controllo analitico che documentale e materiale) e gli utilizzatori.

Il controllo analitico dei formulati è stato effettuato solo da Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Piemonte, Provincia di Trento, Puglia, Sicilia e Veneto. La situazione rispetto allo scorso anno è rimasta grosso modo costante, due regioni in più hanno implementato i controlli dei formulati ma una non li ha più effettuati. La regione Basilicata non ha effettuato i controlli presso gli utilizzatori quindi rispetto all’audit non sono state ancora stabilite le competenze per l’effettuazione di tali controlli.

Oltre ai controlli richiesti dall’Accordo stato regione la regione Liguria ha effettuato 80 ispezioni per la verifica della distruzione delle derrate trattate con fitosanitari utilizzati nelle sperimentazioni e la regione Lazio ha effettuato controlli presso i vivai per la verifica dell’uso dei fitosanitari.

La percentuale di rivendite ispezionate dalle regioni rispetto alle rivendite autorizzate è pari a 47.3% delle rivendite, in aumento rispetto allo scorso anno che era del 35%. Il 12 % delle ispezioni è stato fatto come follow up per la verifica che precedenti non conformità fossero sanate.

La percentuale di aziende agricole controllate dalle regioni rispetto alle aziende che sono presenti sul territorio è pari a. 0,27% in aumento rispetto allo scorso anno che era pari allo 0,2%

I formulati sono stati analizzati da Laboratori accreditati anche se non accreditati per la prova.

I metodo utilizzati sono metodi CIPAC, metodi EPA, metodi CNR IRSA e metodi APAT CNR-IRSA e metodi ISO EN 15662.

I laboratori che hanno effettuato le analisi sono IZS Abruzzo e Molise, l’Arpa Vercelli, l’Arpa Emilia Romagna, l’Arpa Puglia, il laboratorio dell’Ispettorato, l’Arpa Verona e L’APPA Trento.

L’IZS Abruzzo e Molise, l’Arpa Puglia e l’ispettorato per i campioni della Sicilia hanno effettuato solo l’identificazione della sostanza attiva.

L’Arpa Verona ha effettuato l’identificazione, ha verificato il contenuto ed ha cercato le impurezze di metalli.

L’Arpa Emilia Romagna e l’Arpa Vercelli hanno effettuato l’identificazione ed hanno verificato il contenuto della sostanza attiva.

L’APPA Trento ha determinato le impurezze nel prodotto fitosanitario.

Alcuni campioni di formulati prelevati dalla Calabria hanno le analisi ancora in corso.

I prodotti fitosanitari analizzati dalle Regioni/province erano a base di: Abamectina Acrinatrina Captano - Cifluthrin - Cimoxanil - Cimoxanil & Mancozeb - Cipermetrina - Cipermetrina & Clorpirifos Metile- - Cipermentrina Zeta - Ciprodinil - Clorpirifos Etile - Clorpirifos Metile - Deltametrina - Deltametrina & Imidacloprid - Dimetoato - Dimetomorf & Mancozeb - Dodina - Fenhexamid - fenoxaprop-p-ethyl – Fluazinam-  Fluroxipir  (sottoforma di 1-metileptil estere) - Fosetil Alluminio – Glifosate - Imidacloprid - Isoxaflutole  Lambda Cialotrina - Linuron – Mancozeb - MCPA – Metaldeide - Metalaxyl & Rame – Metribuzin- Nicosulfuron - Oli minerali - Olio paraffina - Oxyfluorfen  - Pendimetalin – permetrin& tetrametrina& peronil butossido, Procloraz& - Propiconazolo, Pyriproxyfen - Propamocarb cloridrato - Propiconazolo  - Rame - Rame solfato - Rame & Iprovalicarb – Rimsulfuron - Tebuconazolo - Tefluthrin - Thiram - Triclopir (sottoforma di sale trietilamminico) – Zolfo.

In totale sono stati analizzati 144 campioni tutti conformi.

Andamento nel tempo

Come si può vedere dal grafico sottoriportato il numero totale dei controlli delle Regioni/Province autonome è crescente nel tempo.

Grafico3

 


NAS

In generale

I controlli del Comando carabinieri per la tutela della salute hanno riguardato le rivendite, i formulati (sia nei termini di controllo analitico che documentale e materiale) e gli utilizzatori; pertanto tutti i tipi di controlli sono stati effettuati.

Il Comando ha effettuato circa l'13% del controllo delle rivendite presenti sul territorio in aumento rispetto allo scorso anno che si attestava all’11%, mentre solo lo 0,01% delle aziende agricole è stato controllato.

I formulati analizzati erano regolari e riguardano l’analisi di due prodotti fitosanitari a base di miclobutanil.

Andamento nel tempo

Come si può vedere dal grafico sotto riportato il numero dei controlli totali del Comando ha avuto nel tempo un andamento variabile intorno al valore 2.200 e questo è in linea con il fatto che è un organo repressivo che effettua controlli senza programmazione. Si denota una leggera diminuzione dei controlli rispetto allo scorso anno.

Grafico4

 


ICQRF

In generale

L’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressioni frodi dei prodotti agroalimentari ha effettuato circa il 5,7% del controllo delle rivendite presenti sul territorio in aumento rispetto allo scorso anno che era solo il 4%.

I prodotti fitosanitari analizzati dall’Ispettorato erano a base di Abamectina - Acrinatrina- Bupirimate – Cialotrina – Ciflufenamid – Cimoxanil – Cipermetrina – Clopyralid - Clorpirifos E - Clorpirifos M-Cyazofamid – Difeconazolo – Dimetoato – Dimethomorph - Dimethomorph & Rame - Dodina- Esfenvalerate - Fenamidone &Fosetil- Fosetil-AL- Glifosate- Imidacloprid- Mancozeb – MCPA – Miclobutamil – Metribuzin – Nicosulfuron – Prochloraz - Procloraz Tetraconazolo - Procloraz Propiconazolo – Pyrimetanil – Pyriproxyfen - Quizalafop-p-etil - Rame- Rame & Dimetomorf-Rame &Cimoxanil – Sorbitan Monoleato– Spinosad – Zolfo.

In totale sono state analizzate dall’Ispettorato 36 sostanze attive in 106 prodotti fitosanitari per un totale di 142 campioni. L’Ispettorato ha riscontrato 2 non conformità sempre per composizione non corretta e  i prodotti erano anche revocati.

Vengono qui citati anche 2 campionati effettuati alla fine del 2013 non ricompresi nei 142 campioni che si riferiscono a campioni di prodotti di idrogeno ciannamide non più autorizzati.

L’Ispettorato ha effettuato campioni, come sopra riportato, anche per il Comando carabinieri per la tutela della salute, e per la regione Sicilia. I campioni non sono qui rendicontati ma sono riportati nelle parti specifiche.

L’Ispettorato ha effettuato controlli presso le aziende agricole per la verifica della legislazione sulle sementi ma non riguardanti i prodotti fitosanitari.

Andamento nel tempo

Come si può vedere dal grafico sotto riportato il numero dei controlli totali dell'Ispettorato dopo un decremento negli anni dal 2010 al 2012 ha subito un incremento negli ultimi 2 anni.

Grafico5

 



Tag associati a questa pagina: Prodotti fitosanitari

Documentazione