Sei in: Home > 5. Analisi Critica e Conclusioni > Alimenti - Sicurezza e Nutrizione > Campania - Diossine e Pcb Diossino-simili in latte e mangimi - Piano di monitoraggio

Campania - Diossine e Pcb Diossino-simili in latte e mangimi - Piano di monitoraggio

FONTE: Regione Campania

Piano di monitoraggio per diossine e Pcb Diossino-simili in latte e mangimi

Macroaree e settori:
Alimenti/Sicurezza e Nutrizione
Mangimi/Igiene e Sicurezza

 

5. Analisi critica e conclusioni

Il numero complessivo di non conformità e/o livelli d'azione riscontrato in tutto il periodo di campionamento 2011/2014 è estremamente esiguo e si concentra esclusivamente nella matrice latte. Infatti sui 50 allevamenti selezionati è stata riscontrata 1 non conformità a diossine e 3 livelli d'azione.  In tutti i casi il rilievo dell'esito analitico sfavorevole, per valori più elevati rispetto ai limiti o alle soglie di attenzione stabilite dalla normativa, si è verificato una sola volta per allevamento nell'intero periodo di campionamento.

La percentuale di allevamenti con esiti analitici sfavorevoli risulta essere pari all'8% (4 allevamenti sui 50 selezionati) ma riportando questo numero sul totale di analisi effettuate ogni semestre per 3 anni, la percentuale si abbassa notevolmente e risulta essere pari all'1.3%.

Una valutazione complessiva dei dati dal 2008 al 2014 mostra una costante diminuzione degli esiti non conformi. Inoltre, l'analisi dei valori di contaminazione medi e massimi per PCDD/F, PCB-dl e Somma PCDD/F+ PCB-dl, al netto dei valori di non conformità rilevati, evidenzia dei livelli estremamente bassi di contaminazione.

Il miglioramento generale degli esiti analitici può essere spiegato attraverso diversi elementi, primi fra tutti gli interventi di monitoraggio rappresentati da tutti i piani di campionamento che si sono succeduti nel tempo in regione Campania.

A questi si aggiungono gli interventi di formazione organizzati sia dall'IZS del Mezzogiorno, che hanno avuto come beneficiari Medici, Medici Veterinari e tutti gli operatori specializzati nel controlli ufficiali, che dal Dipartimento di Medicina Veterinaria dell'Università di Napoli Federico II che ha realizzato, in collaborazione con l'ORSA, un opuscolo informativo sul tema della contaminazione da diossine in allevamento. Lo stesso Dipartimento di  Medicina Veterinaria ha organizzato diversi incontri formativi rivolti principalmente agli allevatori delle zone maggiormente coinvolte favorendo sia la responsabilizzazione degli allevatori che una migliore applicazione delle Buone Pratiche Agricole (BPA). L'insieme di tali attività rientra nella strategia di contenimento del rischio di contaminazione da diossina in un'area normalmente percepita come "ad alto rischio".

In considerazione del fatto che l'analisi degli esiti analiti non ha evidenziato nessun elemento di particolare criticità che possa indirizzare verso un determinato criterio di campionamento, per il periodo 2015/2018 è stato previsto il campionamento di quegli allevamenti da latte che non sono stati campionati nel periodo 2011/2014 per le province di Napoli e Caserta, aggiungendo una quota di campionamenti di controllo anche negli allevamenti delle altre province. Tale campionamento si configura come un giusto compromesso tra esigenza di monitoraggio continuo del territorio e capacità ricettive dei laboratori accreditati.

 


‹‹‹ Capitolo precedente - Capitolo successivo ›››

Data di pubblicazione: 25 giugno 2015


Condividi:

  • Facebook


Segui l'argomento negli altri capitoli