Pesticidi - LLNNRR (ISS)

FONTE: Ministero della Salute

LNR per i residui dei pesticidi sui prodotti alimentari di origine animale ed alimenti con un alto contenuto di grassi
LNR-AO)  - (ISS Reparto Antiparassitari)
LNR per i residui di Pesticidi – Metodiche Monoresiduo
LNR per i residui di Pesticidi in Frutta e Verdura, compresi alimenti con un alto contenuto di acqua e acido

Macroarea: Attività trasversali
Settore: Laboratori Nazionali Riferimento

 

Proficiency Tests svolti nel 2014:
Proficiency Tests svolti nel 2014 - Tabella 1

Proficiency Tests svolti nel 2014 - Tab 2

Per quanto riguarda il COIPT-14 la performance dei laboratori italiani è risultata essere più che soddisfacente e soprattutto costante, infatti tutti i laboratori italiani citati hanno partecipato anche al precedente PT sull’olio di oliva il COIPT-13. Il miglioramento che si auspica è l’aumento dei laboratori italiani in grado di analizzare tutti i pesticidi effettivamente presenti nel campione di olio di oliva addizionato.

Si è verificato che le prestazioni dei laboratori, rispetto agli analiti effettivamente analizzati, sono state soddisfacenti. Una certa carenza si è evidenziata rispetto al numero di analiti ricercati (alcuni laboratori evidenziano una carenza per quelle molecole per le quali si rende necessaria la disponibilità di strumentazione di tipo HPLC/MS/MS): 7 laboratori su 18, ad esempio, hanno determinato il tiacloprid, molecola peraltro abbastanza comune e spesso presente anche nei campioni dei PT Europei. Particolare carenza inoltre si è evidenziata per quanto riguarda le molecole da analizzare con metodi specifici: solo 5 laboratori su 18 hanno infatti potuto determinare il BAC 12 presente nel campione.


Durante il quadriennio sopracitato sono stati organizzati dal LNR-AO, quattro Proficiency Tests (PTs) nella matrice olio di oliva per la determinazione di residui di antiparassitari in olio di oliva nominati: COIPT-11, COIPT-12, COIPT-13, COIPT-14.
Il numero di laboratori Italiani deputati al controllo ufficiale (ISS, ARPA, IZS, ASL, Agenzia delle Dogane etc.) è stato rispettivamente di: 16 per il COIPT-11e COIPT-12, 18 per il COIPT-13 e di 15 per il COIPT-14.
Uno degli aspetti positivi che si può riscontrare è la costanza della partecipazione da parte di alcuni di questi laboratori, a questo tipo di prove interlaboratorio. Infatti 9 laboratori hanno partecipato a tutti e 4 i PTs numero che aumenta considerando la partecipazione degli stessi laboratori ad almeno 2 su 4 PTs.
Un altro aspetto positivo è senza dubbio il buon andamento delle performance dei laboratori italiani dato dal parametro SWZ (Somma degli z-scores pesati) che dal 75% del COIPT-11 si è attestato non al di sotto del 91% per quanto riguarda i successivi 3 PTs. 
Il miglioramento auspicabile riguarda l’incremento del numero dei composti effettivamente presenti nel campione addizionato che i laboratori italiani devono essere in grado di determinare analiticamente.


Data di pubblicazione: 25 giugno 2015

Tag associati a questa pagina: Prodotti fitosanitariSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook